Sparse Festival tra teatro, musica, danza e circo, il via da Caldarola con “Il terzo incomodo”

Domenica 17 Ottobre 2021 di Elisabetta Marsigli
Una scena della commedia "Il terzo incomodo"

CALDAROLA - Il teatro, la musica, la danza e il circo si spandono nelle aree rurali: da oggi al 20 novembre, la terza edizione di “Sparse festival”, realizzato nell’ambito del progetto europeo Sparse (Supporting & Promoting Arts in Rural Settlements of Europe), finanziato dal programma Europa Creativa e che vede Amat come soggetto italiano accanto a diversi partner europei, renderà protagonisti di emozioni e spettacoli i comuni di Caldarola, Sarnano, Mogliano, Castelraimondo e Camerino.

 

 
Si parte da Caldarola oggi alle 17 nella Sala Tonelli con “Il terzo incomodo”, tratto da “Tre ritratti irriverenti” di Luigi Lunari, con in scena Filippo Mantoni e Francesca Berardi di Collettivo Collegamenti e la regia di Luigi Moretti. Tre brevi testi, tre coppie, Boccaccio e Fiammetta, Laura e suo marito Ugo di Sade, Dante e sua moglie Gemma Donati: Boccaccio terzo incomodo tra Dante e Petrarca, Petrarca tra Laura e suo marito, Beatrice tra Dante e sua moglie. Lo spettacolo sarà il 13 novembre anche a Castelraimondo (Lanciano Forum, ore 21). La vicenda umana e artistica di Franco Battiato dagli anni Sessanta ai nostri tempi, calato in un contesto storico e sociale in costante trasformazione, è al centro di “I tempi di Battiato” in programma il 22 ottobre a Sarnano (Loggiato di via Roma ore 21.15), con Nicholas Ciuferri a narrare la storia di Battiato e Claudia Fofi a eseguirne i brani accompagnata da Paolo Ceccarelli e Andrea Angeloni. “Volevo solo fare Amleto” attende il pubblico di Sparse il 23 ottobre al Teatro Apollo di Mogliano (ore 21.30) scritto e diretto da Francesca e Stefano Tosoni anche in scena con Venusia Morena Zampaloni, Elena Cupidio, Kevin Pizzi, Giacomo Pompei. Tosoni guida una compagnia di attori sgangherati come un moderno Brancaleone, che sprona la sua armata verso l’impresa epica di mettere in scena uno dei drammi più importanti, belli e difficili di tutti i tempi. La danza urbana percorrerà il centro storico di Camerino il 14 novembre (ore 11.30 e 14.30) con A\[1\]BIT di Sanpapié, un progetto che nasce dalla voglia di esplorare la relazione dell’individuo e della comunità con gli spazi della città.
Sparse festival si concluderà il 20 novembre a Castelraimondo (Lanciano Forum ore 21) con Andrea Farnetani in “Love is in the air” uno spettacolo per tutta la famiglia che mostra i retroscena della vita di un giocoliere, capace di divertire e stupire per l’eccellente valore dei virtuosismi d’altri tempi, e allo stesso tempo commuovere perché mostra l’uomo con la sua giostra di dubbi e ossessioni. Info: 3460956050.

© RIPRODUZIONE RISERVATA