Kirke Karja, pluripremiata e giovane pianista estone, al Cotton Club con il suo quartetto, in scaletta i brani tratti dal suo ultimo lavoro discografico “Turbolence”

Kirke Karja, pluripremiata e giovane pianista estone
Kirke Karja, pluripremiata e giovane pianista estone
di Filippo Ferretti
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 09:44

ASCOLI - Al Cotton Club di Ascoli, il tempio ultraventennale delle sonorità jazz, un concerto molto atteso, con uno dei personaggi femminili internazionali più talentuosi del genere. Domani sera, venerdì 12 novembre, sotto i riflettori l’artista Kirke Karja, pluripremiata e giovane pianista estone, che nella serata dal vivo al Cotton Club si esibirà con il suo quartetto, proponendo i brani tratti dal suo ultimo lavoro discografico dal titolo “Turbolence”. Con lei ci saranno Kaelle Pilli alla chitarra elettrica; Raimond Magi al contrabbasso e Karl Juhan Laanesaar alla batteria. 

 
Kirke Karja è nota per aver suonato con molti musicisti importanti e anche per essere stata presidente dell’Estonian Jazz Association. Si è diplomata all’Accademia estone di musica e teatro con una laurea in pianoforte classico e un master in jazz. Ha anche studiato composizione e improvvisazione freelance. Nel 2014 ha ricevuto il” Young Jazz Talent Award”, mentre nel 2019 è stata selezionata per partecipare al tour europeo di Criss Cross. E’ leader in diversi ensemble, tra cui il Kirke Karja Quartet, con cui ha registrato vari album in studio e tenuto decine di concerti in Europa e in Asia, inclusi festival prestigiosi. Il concerto ascolano consentirà di ascoltare un disco pieno di suoni ed armonie dal sapore baltico, a tratti misteriosi, capace di trasportare il pubblico in ambienti lontani e poco conosciuti, offrendo composizioni di ricerca capaci di creare grandi “turbolenze” nell’ascoltatore. Una serata costituita da ritmi frenetici a cui seguono pause silenziose e riflessive. La ricerca dell’artista parte analizzando la musica della tradizione delle sue radici per poi sconfinare nel linguaggio dell’improvvisazione jazzistica. 
Un repertorio di contrasto, tra atmosfere nebbiose e note incalzanti, creando scenari e paesaggi sonori in cui l’energia del pianoforte si combina con le linee ritmiche del contrabbasso e della batteria, arricchendosi di sonorità dal sapore elettrico create dalla chitarra. Un concerto tutto da scoprire nella sua misteriosa complessità, il cui inizio avrà luogo alle ore 21..Il costo dell’ingresso, possibile solo con presentazione del Green Pass e mascherine, per i non associati sarà di 15 euro, mentre per gli associati sarà di 10 euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA