Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Aretha Franklin gravissima, la famiglia
«Restiamo fiduciosi, è vigile»

Aretha Franklin in fin di vita, la famiglia: «Siamo fiduciosi, è vigile»
Aretha Franklin in fin di vita, la famiglia: «Siamo fiduciosi, è vigile»
di Enrico Chillè
2 Minuti di Lettura
Martedì 14 Agosto 2018, 19:03 - Ultimo aggiornamento: 19:27

Tutto il mondo della musica è in grande apprensione per le condizioni di salute di Aretha Franklin. La regina del soul, infatti, sarebbe in fin di vita e nelle scorse ore era anche stata diffusa la notizia, poi prontamente smentita, della sua morte. Un dettaglio importante sulle condizioni della 75enne cantante è stato rilasciato da un suo nipote.



«Aretha Franklin, in questo momento, si trova a casa sua, circondata dalla famiglia. È vigile e cosciente, in grado di riconoscere le persone e di scherzare con tutti i suoi parenti» - ha voluto precisare il nipote, Tim Franklin, in dichiarazioni esclusive rilasciate a People - «Sì, posso confermare che Aretha è gravemente malata, ma la famiglia resta fiduciosa sulle sue condizioni. In questi momenti sta anche guardando la tv e sapere della falsa notizia della sua morte non ha di certo aiutato a tenerla su di morale».

Da oltre un anno, la cantante simbolo del soul, non fa apparizioni pubbliche dopo aver annunciato, nel 2015, il ritiro dalla musica. Tim Franklin, il nipote, ha comunque voluto rassicurare i fan: «Aretha è certa di poter superare questo momento, così come la sua famiglia è convinta che ce la farà. La vicinanza dei fan non può che fare bene, ma vi chiediamo di rispettare la nostra privacy senza diffondere notizie prive di fondamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA