La Regione racconta le Marche. Dodici totem esposti nella Sala Boxe della Mole

Lunedì 13 Luglio 2020 di Lucilla Niccolini
Il taglio del nastro del presidente del consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo
ANCONA - Si parte per un viaggio attraverso la regione, e nel tempo, alla Sala Boxe della Mole Vanvitelliana di Ancona, dove fino al 31 luglio sono esposti i 12 totem della mostra dedicata ai 50 anni dell’ente Regione Marche. È stata inaugurata dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, con il vice direttore generale dell’Ansa Andrea Fossati e il vice presidente della Fondazione Marche Cultura Riccardo Fonti Bandini. Ha fatto gli onori di casa Alessandra Massi, caposervizio dell’Ansa Marche, curatrice di questa storia per immagini.
«Uno sguardo d’insieme su che cosa ha voluto dire l’esistenza della Regione per le Marche, uno stimolo per le sfide future», ha commentato il presidente Mastrovincenzo, sottolineandone «il ruolo, che negli anni si è evoluto, fino a diventare parte concreta della vita dei cittadini: basti pensare alla gestione delle emergenze sismiche, umanitarie e sanitarie». Con il supporto tecnico della Fondazione Marche Cultura, l’Ansa ha messo a disposizione archivi fotografici e notizie, che documentano mezzo secolo di attività politica e amministrativa. L’ente Regione Marche ha accompagnato le trasformazioni epocali, come quella dalla mezzadria alla conduzione diretta delle campagne; ha dato risposte a bisogni infrastrutturali, con opere titaniche, come la Quadrilatero; ha sostenuto onerosi impegni, come quello di assistenza ai rifugiati della guerra balcanica. Tra le tante immagini a colori, magnifiche sono le vedute dall’alto dei borghi antichi, che si contrappongono alle drammatiche istantanee dei soccorsi dopo gli eventi sismici. Le foto in bianco e nero documentano, dopo la seduta d’esordio dell’assemblea legislativa delle Marche, il 6 luglio del 1970, il lavoro dei campi con le prime macchine, la desolazione della frana Barducci ad Ancona, lo sviluppo manifatturiero.
Le tinte vivide e rassicuranti delle nostre campagne, delle località rivierasche, con i protagonisti della Blue Economy, e dei monti azzurri fanno a gara con il caleidoscopio dei costumi delle principali manifestazioni di spettacolo, da Pesaro a Macerata, con le parate di giovani assiepati per accogliere festanti i papi nelle loro visite pastorali. E poi, i presidenti della Repubblica: da Sandro Pertini, con la pipa in mano, nell’81, a Sergio Mattarella, incantato sui manoscritti del poeta di Recanati, nella più recente visita a Casa Leopardi, lo scorso anno, in occasione della riapertura dell’Orto dell’Infinito. La mostra è a ingresso libero, tutti i giorni dalle 15 alle 21.  © RIPRODUZIONE RISERVATA