Le maschere di bellezza un must per le donne, ecco quali scegliere in base alle caratteristiche della pelle

Sabato 30 Ottobre 2021 di Federica Buroni
Una splendida ragazza giapponese

ANCONA - Maschere a gogo. Per una completa beauty routine, le maschere per il viso sono essenziali. Ne esistono tanti tipi, per ogni pelle, c’è una maschera ad hoc. Per quella secca, per la grassa, per la mista e via dicendo. Il massimo sarebbe farle almeno due volte a settimana, così da soddisfare tutte le esigenze della nostra cute e, la scelta migliore, sarebbe farne due diverse. Con una premessa, però: le maschere vanno applicate sulla pelle pulita.

 

E anche un consiglio utile per l’uso che non è così scontato come potrebbe sembrare: le maschere purificanti vanno risciacquate e fatte seguire da una crema idratante. Quelle idratanti, invece, vanno eliminate con una velina o, se troppo ricche, eliminate con il tonico. 


Pelli secche e grasse
Le pelle secche hanno necessità di una continua idratazione e sono molto più delicate rispetto alle altre. Per questo motivo, tutti i giorni, è importante applicare sul viso una buona crema idratante e, almeno una volta a settimana anche se il top sarebbe due volte, dedicarsi del tempo per una maschera nutriente. Le scelte sono varie: ci sono quelle a base di aloe che rende la pelle elastica o a base di olio di jojoba e acido ialuronico contro l’invecchiamento.

Se invece si ha una pelle grassa, occorre agire sui pori e sul sebo che secernono regolando e opacizzando l’incarnato. Per eliminare i punti neri il top è usare la maschera nera al carbone con cui si può riequilibrare la pelle: la sua peculiarità infatti è quella di catturare come un magnete le impurità. Ma ci sono anche le maschere ai Sali del Mar Morto o quelle all’argilla e anche al tea Tree. Tutte quante aiutano a tenere la pelle pulita, alcune come quella al tea Tree hanno anche proprietà antibatteriche.


Pelle mista
Ci sono periodi in cui la pelle appare più stanca e quindi bisogna correre ai ripari. Per rendere luminoso il viso, bisogna scegliere una maschera all’argilla ma anche una al ginseng che pure previene l’invecchiamento. Per una beauty routine completa, ci sono le maschere detox e le esfolianti per rinnovare lo strato superficiale della pelle. Quelle specifiche illuminanti possono contenere vitamina C.

Per le pelli miste, il top è fare diverse tipologie di maschere insieme, magari localizzando il trattamento: un mix ottimale potrebbe essere una maschera anti age per gli occhi, una al carbone per il naso, una all’argilla per la fronte e il per il mento mentre per il resto del viso sarebbe meglio una maschera idratante o illuminante.

Ci sono poi le maschere anti age che sono rigeneranti e ristrutturanti. E ancora: ci sono quelle in tessuto e cioè dei fogli realizzati in particolari materiali che trattengono e veicolano i principi attivi delle maschere e, di solito, sono in cotone, garza e microfibra. Quindi, le maschere da notte che si usano come crema da notte ma funzionano anche come maschere di bellezza. Per il viaggio, niente di meglio delle sheet masks e le preferibili sono quelle idratanti, defaticanti e illuminanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA