Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ancona, Kum alla Mole Vanvitelliana
indaga su "L'origine della vita"

Ancona, Kum alla Mole Vanvitelliana indaga su "L'origine della vita"
Ancona, Kum alla Mole Vanvitelliana indaga su "L'origine della vita"
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Ottobre 2019, 06:34

ANCONA - Con un tema enorme, “L’origine della vita”, si apre la terza edizione di Kum!, da oggi a domenica alla Mole Vanvitelliana. Ha un titolo denso di implicazioni, il festival che Ancona dedica a tre missioni - curare, educare, governare - che Freud definiva “impossibili”. L’ha scelto Massimo Recalcati, che ne è direttore scientifico, per un programma fitto di incontri, presentazioni e dialoghi. Federico Leoni, docente di Antropologia filosofica all’Università di Verona, affianca Recalcati nell’organizzazione. Sarà lui a tenere, oggi alle 12, la prima lezione magistrale, dal titolo “L’origine dell’umano”.

Curare, Educare, Governare" il festival Kum! Dal 18 al 20 alla Mole la terza edizione

Professor Leoni, un tema ambizioso.
«Dopo due edizioni legate ai drammatici eventi che hanno colpito questa terra - Ingovernabilità e Resurrezioni – era tempo di allargare il campo. “Origine” può essere indagata da tanti punti di vista: biologico, cosmologico, antropologico, oltre che filosofico e psicoanalitico».

Moltissimi interventi, concentrati in tre giornate. Una sfida?
«Sostenibile, perché siamo supportati da un assessore alla Cultura, Paolo Marasca, che non lesina energie e inventiva. Ha messo in piedi una macchina organizzativa efficiente e flessibile. E i risultati sono lusinghieri: il pubblico è cresciuto di anno in anno, fino a toccare, nel 2018, settemila presenze».

Vi aspettavate un pubblico così numeroso?
«La vera sorpresa è che nel tempo lo zoccolo duro di cittadini molto interessati si è allargato a spettatori che provengono dalla regione e da tutta Italia. E poi, sta diventando massiccia la partecipazione degli insegnanti, di ogni ordine e grado, anche grazie al fatto che abbiamo dilatato l’azione del festival a tutto l’anno, con il coinvolgimento di tante scuole. Da questa edizione, anche delle Primarie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA