La Form sul palco del Teatro delle Muse con “Il Titano” nell’ambito della stagione Soundelivery

Il direttore d'orchestra Manlio Benzi
Il direttore d'orchestra Manlio Benzi
di Fabio Brisighelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Marzo 2021, 07:50

ANCONA - Sabato 13 marzo alle ore 21 è in programma al Teatro delle Muse di Ancona il quarto concerto della Form, nell’ambito della stagione “Soundelivery”, ovvero “La grande Musica dove vuoi tu”. L’Orchestra Filarmonica Marchigiana, diretta nell’occasione dal maestro Manlio Benzi, eseguirà la Sinfonia n.1 in re maggiore “Il Titano” di Gustav Mahler, nella trascrizione per orchestra da camera di Klaus Simon.

 
La scelta rientra nel “Progetto Mahler” che la compagine orchestrale ha sviluppato nell’ultimo triennio, dedicato appunto all’esecuzione delle sinfonie del compositore e direttore d’orchestra nato in Boemia nel 1860 e morto a Vienna nel 1911, e che era stato avviato con la Sinfonia n.9 seguita dalla Sinfonia n.5, entrambe guidate sul podio da Benzi, un direttore che ha sempre accompagnato gli studi di composizione e di direzione d’orchestra a quelli letterari e musicologici (dunque in sintonia con il ricco e complesso universo poetico e strumentale mahleriano fin del siècle). La Sinfonia n.1 in oggetto era nata nelle intenzioni dell’autore (che ne rivide più volte la partitura) nel segno del “poema sinfonico”, più che della tradizionale forma sinfonica di origine classica: come un articolato programma musicale dotato di un preciso percorso narrativo ispiratogli dal romanzo omonimo “Il Titano” dello scrittore tedesco Jean Paul (pseudonimo di Johann Paul Friedrich Ricther, 1763-1825), che poi Malher stesso trasformò in direzione di una più organica coerenza musicale di fondo. Già in questa sinfonia il compositore si presenta nell’originalità dei contenuti che contraddistinguono i suoi lavori sinfonici, accostando agli elementi di musica d’arte, di nobiltà quasi classica, altri ricavati da territori estranei, di musica cosiddetta “inferiore”: come le reminiscenze di marce militari, alcuni stilemi tipici dell’operetta, canzoni di strada e motivi popolareschi, musiche e danze da caffè concerto. 
È un mondo sonoro di viva fantasia e di fervida suggestione, quello di Malher, in cui ogni parte, sia esso elevata o banale, diventa momento costitutivo di un generale “suono della natura”(“Naturlaut”, in originale), che ha qualcosa di sacro e immutabile. Il concerto è in onda su èTv Marche e in streaming sui canali social della Form (su YouTube, Vimeo e Facebook).

© RIPRODUZIONE RISERVATA