Ciglia, capelli e pelle al top grazie all'olio di ricino, un toccasana anche contro le rughe essendo un grande nutriente

Venerdì 21 Gennaio 2022 di Federica Buroni
L'olio di ricino

ANCONA - Ottimo per usi cosmetici ma non solo. L’olio di ricino ha tante proprietà: è di origine vegetale e il suo nome spesso non evoca immagini o odori idilliaci. Ma è un valido supporto su tanti fronti. Anzitutto, è un super lassativo ma anche antibatterico e antimicotico. Nel nostro caso, è soprattutto l’ambito della cosmesi che interessa e per cui questo prodotto si rivela un ottimo alleato per la cura dei capelli sfibrati ma anche come antirughe essendo un grande nutriente.

 
L’olio di ricino si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi del Ricinus communis, una pianta originaria dell’Africa tropicale. È un olio denso, vischioso, dal sapore e dall’odore poco gradevoli. Le sue proprietà lassative ne hanno fatto un prodotto particolarmente amato dal fascismo che lo usava come punizione per purgare i sovversivi. E’ facile da reperire: si può trovare in farmacia, nelle erboristerie ma anche nei negozi bio.


Per uso cosmetico è un toccasana, fantastico per rendere le ciglia più forti e resistenti oltre che più lunghe e voluminose: per usarlo, basta prendere uno scovolino, immergerlo nell’olio che quindi va passato sulle ciglia. Stessa musica per le sopracciglia. Ma non finisce qui. L’olio di ricino è molto buono anche per i capelli: li rafforza favorendone la crescita, li nutre e lucida le chiome secche e sfibrate, rendendole più morbide. Agisce, poi, evitando il formarsi delle doppie punte: per questo, è sufficiente applicarlo sulla parte dei capelli interessata dalla doppia punta mischiato all’olio di mandorle o a quello di lino. Quindi, bisogna lasciar agire 30 minuti prima di fare lo shampoo. Altro particolare interessante: per favorire la ricrescita dei capelli e combattere la forfora, basta scaldare un po’ di olio di ricino e applicarlo sul cuoio capelluto massaggiando. Così facendo, si migliorerà la circolazione del sangue. Si può lasciar agire anche per tutta la notte. 


Sul fronte cosmetico, l’olio di ricino è importante per garantire la turgidità della pelle. È idratante ed emolliente , rende la pelle tonica e soda: basta massaggiarne qualche goccia su viso e décolletè la sera prima di ansare a dormire. Poi, applicare un panno caldo e umido sul viso e décolleté per un minuto , quindi, togliere il tutto con un batuffolo di cotone. Lo si può usare come idratante diluendolo con un po’ di olio di mandorle così da renderlo anche più delicato.


È un buon antiage perché stimola produzione di collagene ed elastina. Per esempio, un antirughe top può essere realizzato mescolando una parte di olio di ricino con olio di sesamo per pelli secche, olio di oliva per pelli grasse e olio di jojoba per pelli grasse. E se di pelle si parla, grazie alle sue proprietà lenitive, aiuta a curarne le scottature, anche quelle solari. Infine, si usa anche per idratare e nutrire le labbra, una sorta di balsamo avvolgente, in grado di renderle più morbide. Vere e proprie labbra da baciare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA