Le carte utili all'amore, i Tarocchi parlano molti linguaggi non ultimo proprio quello dei sentimenti

Venerdì 16 Luglio 2021 di Anna Maria Morsucci
Anna Maria Morsucci

ANCONA - I Tarocchi parlano d’amore? Impossibile negarlo. I problemi sentimentali sono tra i primi motivi che spingono a interrogare le carte. Gli Arcani Maggiori si aprono all’amore tramite simboli espliciti come nella carta dell’Innamorato in cui è evidente, sebbene non scontato, il tema della scelta amorosa. Mentre l’Innamorato è la carta che racconta l’amore per eccellenza, in tutti gli altri casi si ricavano dalle corrispondenze tra personaggi maschili, femminili e ultraterreni. Infinite combinazioni che raccontano infinite storie.
Gli Arcani Minori
Tuttavia, è grazie agli Arcani Minori che è possibile far luce in modo più preciso sulla nostra sfera emotiva e relazionale, in particolare attraverso il seme di Coppe. Ciascuno dei quattro semi, infatti, racconta un aspetto del nostro essere. Così, se le Spade dicono molto sul nostro centro intellettuale, i Denari su quello fisico-materiale, i Bastoni su quello creativo-sessuale. Con le Coppe, chiariremo il modo in cui viviamo l’amore e le emozioni. Il motivo per cui spesso si interrogano le carte, quando si parla d’amore, è legato alla ricerca di soluzioni esterne e salvifiche: un evento esterno/decisione/cambiamento che ci deresponsabilizzi. Vi propongo perciò un cambio di prospettiva. Prendete da un mazzo di Tarocchi il Fante, il Cavaliere, la Regina e il Re di Coppe e, dopo averle attentamente osservate, scegliete la carta che vi attrae di più.
Il fante di coppe 
Probabilmente vi caratterizza una certa tendenza a vivere l’amore in modo prudente, ragionando bene prima di fidarvi ciecamente di qualcuno, forse a causa di difficili esperienze passate. Eppure, in amore più che in qualsiasi altro campo non ci sono regole e la prudenza non ci mette al riparo dalla sofferenza. Non abbiate paura di rischiare per amore. 
Il cavaliere di coppe 
La forza dell’amore universale diventa una spinta verso gesti concreti. Chi ha sceglie questa carta ha appreso che l’amore si dimostra attraverso azioni pratiche in ogni aspetto della vita, anche quelli apparentemente più semplici. Siete un esempio d’amore vivo e vitale perché non partite da una pretesa di perfezione, ma dall’umiltà necessaria a riconoscere le vostre stesse debolezze e farne punti di forza.
La regina di coppe 
L’amore rappresenta per voi una risorsa preziosa, è il centro della vostra vita. Qualunque forma stia assumendo, per un partner, per i figli, per la famiglia o gli amici, lo state vivendo pienamente, con intensa passione. Il rischio è di innamorarsi dell’amore idealizzando l’altro e generando situazioni di dipendenza reciproca che non giovano all’amore nella sua accezione più pura e profonda. Un consiglio: imparate a lasciare andare persone e situazioni.
Il re di coppe
Chi sceglie questa carta sta vivendo un momento di profonda crescita interiore, in cui sta iniziando a vedere l’amore in un senso più ampio. Generosità, apertura, solidarietà sono le vostre parole d’ordine in questa fase. La parola d’ordine è “niente per me che non sia anche per gli altri” e la mettete in pratica con la vostra disponibilità e gentilezza, delle quali qualcuno potrebbe approfittare, ma in fondo non vi importa. Un consiglio: per quanto lodevoli siano le vostre intenzioni, non trascurate i vostri affetti più cari.
E dopo?
Quando avrete scelto la carta riflettete su di essa. Magari oggi avete scelto il Re di Coppe ma non vuol dire che domani vi piacerà ancora. Quando la carta perderà di appeal. Rifate di nuovo il gioco: scoprirete cose nelle altre carte che, prima, non avevate notato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA