Al Bano truffato: battaglia in tribunale per 30 casse di vino non pagate. «Falso bonifico da 2.538 euro»

Venerdì 1 Aprile 2022
Al Bano è stato truffato: la battaglia in tribunale per 30 casse di vino non pagate. «Falso bonifico da 2.538 euro»

Al Bano Carrisi è stato truffato. Il leone di Cellino San Marco ha subito una truffa nella sua enoteca. Nel 2018 furono acquistate ben 30 casse del suo vino, comprate e pagate all'interno del suo store con un bonifico. Ma il bonifico era inesistente. E con l'accusa di truffa è finito sotto processo Francesco Vagali, 32enne di Oria, che avrebbe programmato il colpo con un complice. Vagali verrà giudicato con rito abbreviato, assistito dall'avvocato Maurizio Besio.

 

LEGGI ANCHE 

 

Secondo quanto riportato dal Quotidiano di Puglia, la vicenda risale al 2018, quando i due furono denunciati da Al Bano, che si recò di persona in caserma. Una vicenda iniziata con una mail arrivata all'enoteca del cantante con cui venivano chieste le casse di vino da parte di una persona che poi non era stata identificata. Due giorni dopo, nella casella di posta elettronica, era giunta - è stato riferito agli inquirenti - una seconda mail con copia del bonifico di 2.538 euro eseguito tramite una banca con sede a Las Palmas, isole Gran Canarie.

 

Nella comunicazione c'erano anche indicate le modalità di ritiro della merce, tanto che lo stesso pomeriggio arrivarono all'enoteca due individui che caricarono le 30 casse di vino su un furgone, per poi andare via. Il carico, seppur non completo, è stato poi intercettato e restituito.

 

Adesso, Al Bano, potrà avere giustizia. Il processo si terrà a maggio per discussione e sentenza.

Ultimo aggiornamento: 13:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA