Al Bano confessa: «Feci un voto
alla Madonna e il successo arrivò»

Al Bano confessa: «Feci
un voto alla Madonna
e il successo arrivò»
«Quando ero ragazzo passando per i campi mi fermavo sempre a un'edicola votiva con l'effigie della Madonna del Rosario e pregavo: 'Se avrò successo, ti farò una chiesà. Poi il successo è arrivato, e davvero volevo comprare il terreno dove c'era quell'edicola per mantenere la mia promessa, ma il proprietario non ha voluto vendermelo. Però la chiesa alla Madonnina l'ho fatta lo stesso, poco distante». Così racconta Al Bano in una intervista che compare sul numero di «Maria con te», in edicola da domani, anticipata dallo stesso giornale.

«C'è chi per affrontare una giornata ha bisogno di fumare 60-70 sigarette, io invece ho bisogno di pensieri spirituali e mi rivolgo a Lei, alla Madre Celeste», continua il cantante, convinto che le preghiere alla Vergine vengano ascoltate: «Chi è davvero credente non deve mai avere dubbi: ciò che si chiede con fede sincera, prima o poi arriva, non importa quando. Perché il quando non sta a noi stabilirlo».

Nella cucina della sua abitazione Donato Carrisi custodisce un'icona in stile bizantino della Madonna della Tenerezza: «Me la regalò una persona speciale, monsignor Charles Vella. Era il responsabile per l'ufficio stampa dell'ospedale San Raffaele di Milano». Anche nella cappellina della sua tenuta-villaggio a Cellino trova spazio un quadro della Madonna, che raffigura Maria come una ragazza molto giovane: «L'ha dipinta Romina», spiega Al Bano, «ha un significato molto profondo per la nostra famiglia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Luglio 2018, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2018 18:21

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO