Leader Ue 'aperti' a vaccini russi e cinesi

Giovedì 4 Febbraio 2021
Leader Ue 'aperti' a vaccini russi e cinesi

BRUXELLES - Vari leader europei hanno aperto alla possibilità di somministrare i vaccini anti-Covid sviluppati da qualsiasi fornitore, a patto che superino i test disposti dall'Unione europea. Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa Afp, che cita in proposito fonti del parlamento europeo, il 2 febbraio la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha affermato che i vaccini contro la Covid-19 provenienti da Russia e Cina potrebbero ottenere l'autorizzazione alla somministrazione nell'Ue se "mostreranno tutti i dati" scientifici raccolti in merito. Se i produttori cinesi "mostrassero tutti i dati (...) allora potrebbero ottenere un'autorizzazione condizionata all'immissione sul mercato, come gli altri", ha spiegato von der Leyen in un incontro con i parlamentari europei.

Il 2 febbraio, un portavoce della Commissione ha rivelato che uno dei criteri adottati da Bruxelles per sottoscrivere un contratto di acquisizione di vaccini contro la Covid-19 riguarda la capacità delle case farmaceutiche di produrli all'interno dell'Unione. Al momento l'Europa si trova ad affrontare una carenza di vaccini a causa di un rallentamento maggiore del previsto delle forniture da parte delle case farmaceutiche. Ad oggi, l'Ue ha firmato una serie di accordi con sei fornitori ma i vaccini approvati dalle autorità comunitarie provengono dalla joint venture tedesco-statunitense Pfizer-BioNTech, dalla multinazionale britannico-svedese AstraZeneca e dall'americana Moderna. Il 2 febbraio, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha affermato che ogni vaccino contro la Covid-19 è il benvenuto nell'Ue viste le difficoltà di consegna incontrate a livello comunitario.

"La Serbia sta vaccinando più velocemente e si avvale del vaccino cinese", ha ammesso Merkel in un'intervista televisiva concessa al programma "Farbe bekennen" dell'emittente pubblica tedesca ARD. "Abbiamo sempre detto che ogni vaccino che richieda l'approvazione da parte dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) è molto gradito". Entro la fine dell'estate, ha aggiunto la cancelliera tedesca, tutti in Germania potrebbero essere in grado di ottenere almeno la prima delle due dosi di vaccino necessarie. Ad oggi non ci sono stati intoppi nella campagna di vaccinazione in Germania.

Alle osservazioni di Merkel ha fatto eco il presidente francese Emmanuel Macron, secondo cui tutti i vaccini approvati dalle autorità sanitarie europee e nazionali saranno i benvenuti in Francia. Il processo decisionale sul vaccino, ha spiegato Macron il 2 febbraio in un'intervista concessa all'emittente televisiva TF1, dovrebbe essere "scientifico piuttosto che politico".

La ministra della Salute spagnola, Carolina Darias, ha detto ieri che le autorità di Madrid restano "aperta" alla somministrazione del vaccino russo Sputnik V, se autorizzato dall'EMA.

Per ora, l'Ungheria è l'unico stato membro dell'Ue ad aver autorizzato la somministrazione del vaccino cinese prodotto da Sinopharm e di quello russo.

Uno dei partner nei Balcani dell'Ue, la Serbia, ha autorizzato l'uso di un ampio ventaglio di vaccini prodotti in Russia e Cina. A metà gennaio, il Paese ha ricevuto un milione di dosi di vaccini prodotti dalla cinese Sinopharm.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 22:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA