Rossini, un cartellone grandi firme
con dedica ad Anna Marchesini

Rossini, un cartellone grandi firme con dedica ad Anna Marchesini
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Marzo 2018, 13:46

Dopo una Gold Season tutta dedicata alla grande regia, il Teatro Rossini di Pesaro ieri ha presentato, per primo in regione, le proposte per la stagione 2018-19 con un focus più diretto sugli interpreti.



Numeri che parlano
«I numeri della passata stagione parlano da soli – ha sottolineato l’assessore alla cultura Daniele Vimini – con 2188 abbonamenti spalmati in 4 serate e non credo sia una costante nazionale. Siamo molto felici dei progetti di riallestimento e debutto, che creano sempre un legame forte con la città per creare spazi produttivi e di crescita». Lopez e Solenghi, Luisa Ranieri, Elio e Rocco Tanica, Alessandro Preziosi, Paola Minaccioni ed Emilio Solfrizzi, Massimo Ranieri: questi i protagonisti di una stagione “colorata” e dalle mille sfaccettature che il direttore Amat, Gilberto Santini, ha dedicato, nella giornata della festa delle donne, ad Anna Marchesini.

Il via con Lopez e Solenghi
E la stagione parte proprio dal duo, ex trio, ricomposto dopo ben 15 anni, che vede Massimo Lopez e Tullio Solenghi di nuovo insieme per uno show teatrale e musicale molto divertente e “affettuoso” che ripartirà da Pesaro in residenza di riallestimento i primi di ottobre. Luca Zingaretti, noto per le sue particolari scelte drammaturgiche e ormai amico della città dove organizza con successo il suo Doc Fest, debutterà dal Rossini alla regia di “The deep blue sea”, un testo toccante di Terence Rattingan mai rappresentato in Italia, che avrà come protagonista Luisa Ranieri. 15 artisti in scena, tra danzatori, attori e cantanti per “Spamalot” musical surreale, tratto dal film Monty Python e il Sacro Graal, che permetterà ad Elio di spaziare nella comicità irriverente dei suoi idoli inglesi prendendo in giro i vezzi e i vizi del musical, con un bizzarro e diroccato gruppo di cavalieri della tavola rotonda. Valerio Binasco, direttore dello Stabile di Torino, ha uno sguardo di regia acuto verso un cardine del teatro come Arlecchino, per il quale incontra il talento obliquo di Natalino Balasso in “Arlecchino servitore di due padroni”, che offrirà un personaggio contemporaneo che sugli equivoci costruisce il suo riscatto sociale. Giungerà a Pesaro anche il Vincent van Gogh di Alessandro Preziosi, teatrante serio e poderoso che affronta una sfida interessante che parte dalla drammaturgia contemporanea che ha reso grande Stefano Massini. Il giovane talento della commedia francese Florian Zeller torna anche nella prossima stagione, questa volta, dopo Ghini, con Paola Minaccioni e Emilio Solfrizzi diretti da Gioele Dix in “Dietro le quinte”: un gioco di attori che svelano con la tecnica del doppio linguaggio (pensiero e parola) una verità comica, crudele e meravigliosamente patetica.

Gran chiusura con Ranieri
La stagione si chiuderà a marzo con un incontro al vertice tra Massimo Ranieri, reduce dalla sua partecipazione al Rof, e Giancarlo Sepe, rispettivamente interprete e regista de “Il Gabbiano” di Cechov in un nuovo e rivoluzionario adattamento. Il pubblico di Pesaro chiede a gran voce una quinta replica, ma la cosa va ancora meditata. Non mancheranno gli incontri con i protagonisti di Oltre la scena. Vendita nuovi abbonamenti da venerdì 21 settembre presso biglietteria del Teatro Rossini tel. 0721 387621.

© RIPRODUZIONE RISERVATA