Dal Lacus all'acquedotto romano
Splendore della Narni sotterranea

Dal Lacus all'acquedotto
romano: lo splendore
della Narni sotterranea
Narni nasconde gioielli anche nel sottosuolo, e la scoperta della città al di sotto di Narni fu merito di un gruppo di speleologi locali, che scoprirono in modo fortunoso gli affreschi di una chiesetta rupestre (in seguito è stata nuovamente consacrata) sotto la chiesa di Santa Maria Maggiore.

Tra polvere e macerie
Era il maggio del 1979 quando un gruppo di speleologi alle prime armi, riuscì a penetrare in un ambiente in cui tra polvere e macerie si potevano intravedere i resti di un affresco. In parte era ricoperto da più strati di calce, rimossi in seguito con la massima cura, sino a rendere visibili le pitture sottostanti, opera di artisti umbri che vi lavorarono nel periodo medioevale. Un Cristo sanguinante, un ritratto di San Michele Arcangelo e simboli degli Evangelisti, tornarono alla luce. C’è poi l’acquedotto romano detto “Formina” forse costruito dal curator aquarum Nerva, nel 27 d.C. sotto l’impero di Tiberio. L’acquedotto è lungo 13 km circa e mantiene una pendenza costante. Si snoda lungo le pendici delle colline, attraversa tre monti con altrettanti trafori e attraverso i ponti supera alcuni corsi d’acqua. La visita all’acquedotto si effettua unicamente dal periodo di maggio ad ottobre nei giorni festivi e prefestivi su prenotazione. È possibile camminare in un condotto lungo 700 metri, per comprendere le difficoltà superate dagli operai durante lo scavo nella roccia, ammirare le fantastiche concrezioni e quindi uscire, attraverso una ripida scala a chiocciola scavata nella roccia , da un pozzo profondo 18 metri. Per concludere la visita ai luoghi ipogei di Narni c’è il Lacus, la cisterna alto-medioevale situata sotto Piazza Garibaldi (ingresso libero).

Volta in pietra concia
Presenta una volta in pietra concia e resti di pavimento in opus spicatum. Al suo interno è in fase di allestimento un percorso didattico sull’importanza dell’acqua per la vita sulla terra, il primo del suo genere in Italia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 19 Maggio 2017, 12:01 - Ultimo aggiornamento: 19-05-2017 12:01

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO