«Intensità media», quest'anno
l'influenza fa un po' meno paura

«Intensità media»
quest'anno l'influenza
fa un po' meno paura
di Giorgio Fabri
L’influenza che verrà, i virus cugini che ci sono già e che hanno rialzato la testa nell’ultima settimana, aumentando il numero di italiani a letto con febbre e altri sintomi. Per l’Italia è ora di prepararsi ad affrontare l’arrivo del freddo e i suoi malanni.

La stagione
«Ci aspettiamo una stagione influenzale 2017-2018 di intensità media: almeno circa 5 milioni i casi previsti e solo un virus nuovo, una variante dell’A/H1N1, detta Michigan, già inserita nel vaccino - spiega il virologo dell’università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco -. Con l’A/H3N2, sono i virus che hanno portato più casi in Australia» dove l’inverno è stato appena archiviato. Ora toccherà a noi indossare cappotti e maglioni di lana. E gli esperti guardano all’emisfero australe per avere un’idea dell’impatto che l’influenza potrà avere. «Lì si è osservata una buona diffusione - dice lo specialista -. È chiaro che bisogna aspettare di vedere come sta per finire la stagione influenzale. E poi un’altra variabile sarà se avremo o meno un inverno freddo che aumenterà il numero di casi».
Nel Belpaese l’anno scorso la stagione «si è chiusa con circa 5,4 milioni di casi». L’incidenza cumulativa osservata è stata pari a 93 casi per 1.000 assistiti. Un’entità definita «media» dagli esperti, se si considerano per esempio l’incidenza della stagione 2004-2005 (116 casi per 1.000 assistiti) e quella del 2009-2010, l’anno della pandemia (99 casi per 1.000 assistiti). Ma nell’attesa di sapere cosa ci aspetta con l’arrivo della prossima influenza, grazie ai virus cugini gli italiani stanno già ricevendo in questo inizio d’autunno un assaggio dei malanni di stagione. «In questo scorcio di stagione dal clima ballerino - sottolinea Pregliasco - quello che vediamo è un incremento delle sindromi parainfluenzali, tra i 60 e gli 80 mila casi nell’ultima settimana, sostenuto agli sbalzi termici che facilitano la circolazione di questi virus».
Tornando all’influenza e alle previsioni 2017-2018, «l’incognita - continua il virologo - resta sempre la quota di casi da virus B, ma anche la disponibilità di vaccini quadrivalenti, o comunque adiuvati per gli anziani». Il dato di adesione alle vaccinazioni è «importante. Aspettiamo come sempre l’inizio campagna di immunizzazione da metà ottobre. Lo scorso anno c’è stato un accenno positivo all’aumento e speriamo che sia ancora maggiore quest’anno, soprattutto per quanto riguarda le vaccinazioni negli anziani, visto che siamo ancora a livelli bassi».
Quanto ai camici bianchi e alla tendenza a snobbare l’iniezione scudo, conclude Pregliasco, «ci sono state prese di posizione delle società scientifiche per rilanciare le vaccinazioni negli operatori sanitari, in particolare per influenza. Vedremo i risultati».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 3 Ottobre 2017, 13:03 - Ultimo aggiornamento: 03-10-2017 13:03

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO