La primavera 2018 si preannuncia
un trionfo per i brand marchigiani

La primavera 2018
si preannuncia un trionfo
per i brand marchigiani
di Massimiliano Viti
Le meraviglie marchigiane incantano il mondo della moda. Il made in Marche trionfa a Milano dove si è chiusa la fashion week, ogni brand ha dato il meglio di sé in fatto di creatività, qualità e stile ottendendo grandi apprezzamenti dal pubblico e dalla stampa specializzata. L’ispirazione principale delle collezioni per la prossima estate è il viaggio. Molti hanno pensato ad una donna di città, libera di viaggia e di sognare. E le creazioni marchigiane fanno davvero sognare.



Stile impeccabile
L’ambasciatore delle Marche è il marchio Tod’s che ha intitolato la sua collezione “L’impeccabile naturalezza di un’italian summer”. Tod’s omaggia il gusto italiano e la sapiente disinvoltura con la pelle, materiale con il quale il marchio ha realizzato anche un pigiama. L’unica regola del brand dei fratelli Della Valle è la qualità. Kendall Jenner ha aperto il defilé: giacconi sportivi e balzer doppiopetto hanno un taglio italico, così come micro bomber e biker, declinato dai pellami e dalle lavorazioni in dettagliato lusso quotidiano. La micro camicia in tecno nylon è la sorpresa; shorts, gonne e pantaloni sono impalpabili come le nappe. Scarpe e borse hanno la leggerezza dalla propria e vengono indossate con disinvoltura. La Wave Bag viene interpretata anche in versione zainetto, mentre della Gommino Bag si scelgono i nuovi colori. «Credo che il mestiere di stilista come lo si intendeva un tempo sia un concetto vecchio», ha dichiarato a Reuters Diego Della Valle, rispondendo alla domanda sulla necessità o meno di avere un’unica guida creativa per Tod’s.



Urban collection
«Bisogna ragionare come il direttore di una rivista, che in un anno deve pensare a 12 copertine. Bisogna avere qualcosa di nuovo ogni mese. Oggi si concepiscono tanti progetti, collezioni limited edition: lo stile è totalmente in movimento» ha concluso il presidente del gruppo Tod’s. Hogan ha presentato “The urban gipsetter” in una location allestita con le foto di Giovanni Gastel: per ogni ambiente un arredo minimal etnico. Protagonista della collezione una nomade urbana colta, una donna carismatica che ama viaggiare. Le luxury sneaker del brand sono caratterizzate da tonalità intense, sovrapposizioni di righe e dettagli come l’applicazione di fiori in denim, intrecci di perline, platform iridescenti e lacci multicolor. Le celebri sneaker maxiplatform H222 vengono presentate insieme a sandali easy chic e zeppe dalla silhouette femminile, in perfetto trend con la nuova stagione estiva. Le linee delle borse sono essenziali, arrichite da elementi che richiamano i dettagli delle calzature.



La rivoluzione dei colori
“Colour revolution” per la nuova collezione Paciotti che esprime il chiaro e fermo desiderio di rinnovamento del designer. Decisamente rivoluzionario è il totale abbandono del colore rosso che da sempre ha contraddistinto ogni calzatura femminile del brand. Paciotti lo sostituisce con una tenue e delicata nuance beige. Infine, grande attenzione viene posta sull’irrompente e travolgente ritorno delle calzature “a punta”, che hanno dominato le mode del passato, ma che grazie a un design rivisitato e contemporaneo, sono pronte a riconquistare il desiderio della donna attenta a riscoprire un fascino senza tempo. La donna Dondup è femminile e intraprendente, libera e disinvolta. La divisa, il binomio maschile-femminile, l’ispirazione rock and romantic e l’utilizzo di materiali couture, traghettati nella dimensione moderna, sono i tratti della nuova collezione estiva. La giacca, con il collo a listino o la sahariana signature anche nella versione taglio trench, è costruita in materiali maschili, come il canvas.



Fiori e ricami
La stampa floreale scelta è il lilium, simbolo di purezza e quindi di ritorno all’essenzialità nella tradizione asiatica. Ricami folk da abbinare al denim, sete fluenti e ricami tono-su-tono, si alternano a nuovi lavaggi, tra cui il marmorizzato, che tinge di toni pastello hot pants e felpe in jersey, forme rigorose, per gonne lunghe dallo spacco deciso e silhouette destrutturate, per gli abiti in candido lino e camicie in popeline, che insieme definiscono una nuova idea di womenswear. La collezione Santoni edited by Marco Zanini comprende outerwear, abiti, camicie, maglie e pantaloni. L’approccio è libero, leggero; le linee sono fluide; texture e colori sostituiscono il decoro. Stampe d’archivio lionesi punteggiano una narrazione essenzialmente cromatica nella quale si intrecciano note di colore. L’edit è insieme esatto e spontaneo: il mackintosh dal volume deciso, il giubbino da lavoro dal taglio pulito, il kway funzionale, l’aviatore asciugato, il blazer decostruito, la camicia da bowling, la maglia intarsiata, l’intimo di seta a coste, i pantaloni fluidi e gli shorts. Gli abiti derivano dai capispalla, con effetti trompe l’oeil. Fodere stampate e interni patchwork portano attenzione e cura laddove il rapporto tra il capo e chi lo indossa diventa più personale. I tessuti, tutti esclusivi, hanno una mano piacevole e liquida: cady tailoring, techno satin, denim di cotone/lino, panama di seta, poplin, techno chiné.

Speciale calzature
“Wicker is the new black” introduce la collezione di scarpe e borse Rodo, marchio con oltre sessant’anni di storia, sempre raccontata nelle forme e nei codici dell’heritage, del naturale e del colorato. La proposta gioca su contrasti armonici tra materiali (neoprene, midollino, pitone, lino, raso, nylon, nappa, cuoio) e lavorazioni (intreccio, costruzione su forma, applicazione di cristalli, galvanizzazione di metalli). Il brand di calzature Agl ha presentato la collezione attraverso un sfilata digitale che ha esaltato il mix di tradizione e modernità, che definisce da sempre il Dna di Agl. Calzini di filato di cotone su maxi suola di gomma esplosa con aria per portarla ad un peso leggerissimo. Sandali con cavigliera che si alza fino a diventare over the knee, realizzata in morbida nappa extra stretch. Mule di serpente Ayers su tacchi di abs, materiale plastico usato anche per i giocattoli dei bambini. Infradito con effetto nudo e cavigliera chiusa con zip, spalmate di gomma naturale. Slipper in pelle verniciata a taglio vivo, o in pvc abbinato a soffice nappa. Tradizionali ricami Cornely chiusi da lacci di rete tecnica.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Settembre 2017, 15:50 - Ultimo aggiornamento: 28-09-2017 15:50

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO