Le scarpe? Meglio quelle fatte a mano
Calzature comode e artigianali: boom

Le scarpe? Meglio quelle fatte a mano Calzature comode e artigianali: boom
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Luglio 2017, 16:21

Le calzature di lusso fatte a mano, con suola in cuoio, sono una delle eccellenze dal Made in Italy nel mondo. Per questo, il Politecnico Calzaturiero, importante centro d’arte e artigianato che ha sede a Stra, in collaborazione con Cuoio di Toscana, consorzio leader nella produzione di cuoio da suola, ha preso parte al progetto europeo High End Shoes - Hes, per fornire a alcuni studenti le competenze tecniche e pratiche necessarie per produrre scarpe uomo-donna di lusso fatte a mano, con la fabbricazione artigianale della tomaia e della suola.

Quindici studenti altamente profilati, provenienti da vari istituti, hanno partecipato al corso relativo alle calzature di lusso artigianali, esercitandosi presso il Politecnico nella realizzazione di calzature in cuoio. La collezione di scarpe realizzate sarà in esposizione al «theMicam», manifestazione internazionale della calzatura in programma dal 17 al 20 settembre a Fiera Milano Rho, nel padiglione uno, nella sezione dedicata al lusso, in uno stand che ricreerà un laboratorio artigianale tradizionale. Per l’occasione, saranno in programma conferenze con esperti del settore, seminari e workshop durante tutta la durata dell’evento. Tutti hanno iniziato le attività con alcune ore di modelleria uomo, fino ad arrivare al taglio del pellame. Sono poi passati alla fase di lavorazioni artigianali, provando prima le proprie abilità tecniche e manuali con esercitazioni pratiche su modelli prestabiliti, per poi passare al montaggio con tecnica Goodyear del proprio modello realizzato nel paese di provenienza. Per concludere la realizzazione della scarpa, hanno collaborato con alcune realtà aziendali del territorio per la parte di messa in suola e finissaggio finale, in modo da poter entrare e provare anche il mondo del lavoro.

«Il progetto ha lo scopo di rafforzare la produzione high-end (esclusive) e di calzature di lusso in Europa, dando vita ad una nuova generazione di produttori altamente qualificati, che promuova l’imprenditorialità di nuovi designer di talento orientati alla realizzazione di prodotti di valore elevato», ha detto il presidente di Cuoio di Toscana Antonio Quirici. «Non potevamo non prenderne parte, visto il nostro ruolo nella diffusione dell’alta qualità made in Italy». Durante il corso si è data molta importanza alla conoscenza e consapevolezza dei materiali e alla cura dei passaggi, fondamentali per arrivare a realizzare un prodotto unico. I ragazzi sono entrati in contatto con il cuoio per la prima volta, mostrando rispetto, riconoscimento per il materiale offerto e curiosità nell’utilizzare un nuovo prodotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA