CasalFarneto cala la coppia d'assi:
ecco i due vermouth, bianco e rosso

CasalFarneto cala la coppia
d'assi: ecco i due vermouth
rosso e anche bianco
di Andrea Fraboni
Dopo l’epica corsa all’oro, nelle Marche è iniziata quella al vermouth. Contemporaneamente a Santa Barbara, c’è anche CasalFarneto che cala due assi. Si apre infatti una stagione di novità per la cantina di Paolo Togni, all’insegna di un nuovo corso di vita e di nuovi prodotti. Nel cuore del territorio di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico, sulle colline di Serra de’ Conti, CasalFarneto da oltre 20 anni è sinonimo di eccellenza nel mondo del vino, grazie alla sapiente lavorazione delle uve dell’autoctono per eccellenza, da cui nascono i suoi vini pluripremiati.



Tra storia e futuro
La tenuta fondata nel 1995, rilevata nel 2005 dal Gruppo Togni, oggi vive una nuova e stimolante fase del suo percorso che dal 2017 continua la sua crescita in maniera autonoma, forte del know how e dell’esperienza di oltre 40 anni di Paolo Togni. Insieme alla sua famiglia ha voluto dare un’impronta giovane a questa realtà: CasalFarneto è una fattoria tecnologia scavata nella collina per ridurre l’impatto ambientale, realizzata in materiali naturali come legno e pietra ed è dotata dei più moderni e innovativi accorgimenti per garantire la migliore qualità dei suoi vini, tra i quali il Verdicchio riveste un ruolo di primo piano. Una nuova declinazione di questo vino è il vermouth, prodotto legato al momento dell’aperitivo, con oltre 200 anni storia e reinterpretato artigianalmente in chiave moderna. Nel vermouth di CasalFarneto la tradizionale qualità del Verdicchio si sposa con spezie e profumi selezionati dalle erbe più pregiate e arricchisce la ricetta unica del vermouth nelle versioni bianco e rosso.

Dal lavoro al sogno
«Questo prodotto è il risultato di un lavoro che realizza un sogno della mia infanzia - spiega Paolo Togni - quando nelle visite con mio padre agli spumantifici più importanti d’Italia che producevano anche vermouth, restavo affascinato dai profumi e dagli aromi delle erbe e delle spezie che conferivano nuova vita ai vini base. È un vino aromatizzato, che dopo un momento di declino tra gli anni ’70 e ’80, oggi sta riscoprendo una seconda giovinezza, adatto al momento dell’aperitivo e che nel suo essere vintage, è decisamente moderno. Il vermouth racconta un periodo importante del nostro paese, ma ha avuto una forte diffusione anche all’estero. Mi viene in mente la Spagna e Madrid in particolare, dove il vermouth è l’aperitivo oggi più in voga. Io e i miei collaboratori, che per oltre un anno mi hanno affiancato nella creazione di questa ricetta, abbiamo realizzato un progetto importante per il vermouth che mira a valorizzare soprattutto il Verdicchio, vino simbolo della nostra regione, che costituisce il 75% di questa bevanda a cui aggiungiamo, come previsto dalla ricetta, infusi di erbe naturali». « L’anteprima fatta al Vinitaly - continua Paolo Togni - ha avuto riscontri molto positivi, superiori alle nostre aspettative. Tutti i nostro clienti hanno apprezzato questa novità e soprattutto quelli esteri, che avevano un vago ricordo della tradizione e dello stile del vermouth italiano. Attualmente lo stiamo distribuendo in tutta Italia e stiamo cominciando ad esportarlo in Europa».



L’amore per il territorio
L’amore per il territorio e la voglia di sperimentare - continua Togni - hanno sempre animato il mio lavoro determinando le mie scelte e il vermouth nasce da questo spirito. Si tratta del primo progetto del nuovo corso della cantina - sintesi tra passato e futuro nel connubio tra artigianalità e innovazione». Si apre quindi un “secondo tempo” per CasalFarneto, un percorso che si fonda su progetti stimolanti e ambiziosi, come il vermouth prodotto in cui anima e tempo trovano la loro sintesi perfetta, grazie al connubio tra le uve di Verdicchio - identità di un territorio - e un’antica tradizione mai dimentica che torna attuale.

Il vermouth bianco
Note di classica freschezza: complessità aromatica, gusto morbido, avvolgente e persistente di colore giallo ambrato: le caratteristiche del vermouth classico si combinano con il Verdicchio CasalFarneto, componendo un vino aromatizzato unito alle note di artemisia, sambuco e timo.

Il vermouth rosso
La dolcezza in un sorso: le caratteristiche uniche del Verdicchio si fondono con l’assenzio e gli infusi di erbe aromatiche che gli conferiscono note agrumate, sentori balsamici, speziati e mentolati con un finale piacevolmente amaricante. Il gusto suadente e morbido lo rende adatto agli abbinamenti più particolari: angostura, whisky e miele, ginepro e vodka.



Una fattoria tecnologica che produce fuoriclasse
La cantina CasalFarneto è una fattoria tecnologica a basso impatto ambientale che sorge nel cuore delle colline marchigiane, nella più antica zona vocata a Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico, a 320 metri sul livello del mare. Si estende per 60 ettari di terra di cui 35 riservati a vigneto (28 a Verdicchio e 7 a bacca rossa). Tra i vitigni coltivati, il Verdicchio domina senz’altro la produzione, imponendosi per fermezza e qualità. Ma anche Montepulciano, Sangiovese, Cabernet, Merlot e Petit Verdot rappresentano invece tutta la pregevolezza dei 7 ettari coltivati a bacca rossa. Tra le etichette premiate Crisio, Grancasale, e il passito Ikon che al Vinitaly hanno conquistato la prestigiosa giuria del 5 Star Wine-The Book. Importanti riconoscimenti negli anni anche per Cimaio ricavato da uve di vendemmia tardiva e ricoperte da muffa nobile, che rappresenta il testimonial perfetto dell’approccio dell’azienda con il tempo.
Info CasalFarneto, via Farneto 12
Serra de’ Conti tel. 0731889001
www.casalfarneto.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 2 Giugno 2018, 13:05 - Ultimo aggiornamento: 02-06-2018 13:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO