Matteo Messina Denaro in fin di vita, sospesa anche l'alimentazione: il boss ha vietato l'accanimento terapeutico

Domenica 24 Settembre 2023, 08:57 - Ultimo aggiornamento: 09:30 | 1 Minuto di Lettura
Dalla cattura all'arresto

Dall'arresto il padrino è stato interrogato più volte dai pm di Palermo precisando, fin dal primo incontro, che non avrebbe mai collaborato con la giustizia. E così è stato. Anzi nel corso del primo interrogatorio, con aria sfottente, non ammettendo neppure di far parte di Cosa nostra, ha detto al procuratore di Palermo Maurizio de Lucia e all'aggiunto Paolo Guido, che hanno coordinato le indagini per la sua cattura, che se non fosse stato malato e costretto a ricorrere alle cure della clinica, lo Stato non l'avrebbe mai preso. Il boss, autorizzato a incontrare i familiari stretti e il suo avvocato, la nipote Lorenza Guttadauro, non ha però mai potuto vedere la sorella a lui più affezionata, Rosalia Messina Denaro, arrestata nei mesi scorsi per mafia. È perquisendo la sua abitazione che i carabinieri del Ros hanno potuto ricostruire la sua malattia, l'alias usato per le cure riuscendo così a porre fine a 30 anni di latitanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA