Giulia Tramontano, Alessandro Impagnatiello come l'ha uccisa? La verità tra chat, messaggi e l'incontro con l'amante. Chi è il killer: cosa sappiamo

di Ernesto De Franceschi
Giovedì 1 Giugno 2023, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 10:21 | 1 Minuto di Lettura

Verso le 2 di domenica. Il cadavere era ancora nell'abitazione

Alessandro Impagnatiello si sarebbe presentato, dopo aver ucciso la fidanzata Giulia Tramontano, incinta di 7 mesi, nella sua abitazione a Senago, sotto casa dell'amante, a Milano, verso le due di domenica scorsa, insistendo per poter entrare, ma lei non l'avrebbe fatto salire. È quanto è emerso nelle indagini condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo e coordinate dal pm Alessia Menegazzo e dall'aggiunto Letizia Mannella. In quel momento il corpo della 29enne sarebbe stato ancora in casa, anche se, come è stato riferito dagli inquirenti, lui aveva già provato a bruciarlo con alcol nella vasca da bagno. Il corpo della donna, dunque, sarebbe rimasto in casa per alcune ore (l'omicidio è avvenuto tra le 19 e le 20.30). Impagnatiello la notte scorsa è «crollato ammettendo l'omicidio», quando, oltre a delle tracce di sangue nell'auto, sono state trovate dai carabinieri anche tracce biologiche sulle scale del condominio vicino all'appartamento. Il secondo tentativo di bruciare il cadavere con della benzina l'uomo l'avrebbe portato avanti, senza riuscirci, in un box di sua proprietà non lontano da casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA