Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, cambia il bollettino: dal 15 gennaio l'aggiornamento dati. Ecco cosa succederà

Coronavirus, cambia il bollettino: dal 15 gennaio l'aggiornamento dati. Ecco cosa succederà
Coronavirus, cambia il bollettino: dal 15 gennaio l'aggiornamento dati. Ecco cosa succederà
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Gennaio 2021, 18:30

Coronavirus, cambia il bollettino quotidiano del Ministero della Salute: da venerdì 15 gennaio saranno infatti conteggiati nel numero dei tamponi e dei nuovi positivi anche i dati dei cittadini processati con il test rapido. A rendere nota la decisione del Ministero è stato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato: «Il Ministero della Salute con una circolare ha indicato l'aggiornamento dei dati processati anche con il test antigenico rapido a partire dal 15 gennaio», ha detto D'Amato. 

Leggi anche > Coronavirus, il bollettino di mercoledì 13 gennaio

Bollettino, cosa cambia da venerdì

L'aggiornamento dei dati riguarderà il bollettino nazionale quotidiano: i dati nazionali relativi al computo dei casi positivi al SarsCov2 terranno dunque conto anche del numero di casi rilevati con i test antigenici rapidi, come previsto dalla circolare firmata dal direttore generale della Prevenzione del ministero Gianni Rezza. La circolare riconosce appunto la validità dei test antigenici rapidi di ultima generazione nella definizione di caso Covid-19, nel solco delle indicazioni Ue. Nella circolare approvata è richiesto alle Regioni di rendicontare separatamente il numero di test antigenici effettuati rispetto ai test molecolari. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA