Va dall'oculista per farsi controllare le lenti, esce dallo studio cieco: «Mi ha tagliato con il laser parte di un occhio»

L'oftalmologo lo ha scambiato per un altro paziente

Va dall'oculista per farsi controllare gli occhiali, esce dallo studio cieco: «Mi ha amputato parte dell'occhio»
Va dall'oculista per farsi controllare gli occhiali, esce dallo studio cieco: «Mi ha amputato parte dell'occhio»
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 18:58 - Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 15:21

«Ho perso la vista in 10 minuti». Un terribile errore medico si è verificato a Marsiglia, in FranciaNel 2020, Adrien va dal suo oculista per farsi controllare gli occhiali, ma torna a casa cieco. Il suo medico, senza spiegazioni, ha utilizzato un laser. Ora l'oftalmologo (esattamente due anni dopo) ammette al media francese BFMTV lo sbaglio. Perché è accaduto? Il problema sarebbe dovuta la confusione dei file dei pazienti.

Tumore della prostata, in Gran Bretagna via libera al farmaco che allunga la speranza di vita di un terzo

Visita oculistica, poi diventa cieco: la storia di Adrien

Ai microfoni di BFMTV, Adrien racconta che dopo aver raggiunto il suo oftalmologo, quest'ultimo gli ha chiesto di sedersi e premere la fronte contro una macchina. Il paziente, insospettito, ha chiesto al medico perché dovesse utilizzare quella macchina (che non c'entrava nulla con i suoi occhiali). Ma l'oculista gli risponde con tono secco: "Finisco e poi spiego".

Lo sbaglio del nome

Finita l'operazione il medico gli dice che era un laser e lo chiama "Frédéric" invece che Adrien. Aveva sbagliato il suo nome di battesimo. Per gli esperti forensi, l'errore medico è innegabile. Dieci minuti dopo essere stato sottoposto all'operazione con il laser, "ho perso la vista", racconta la vittima, che ha subito due operazioni per recuperare parzialmente la vista. È ancora molto sensibile alla luce e ogni giorno prende forti farmaci per alleviare il dolore. “Mi hanno rimosso una parte dell'occhio. Non sono più cieco, ma sopravvivo ", dice Adrien.

Bambino ingoia una puntina da disegno e muore a 5 anni, la mamma: «Ho il cuore spezzato»

La risposta dell'oculista

"È un errore da parte mia. Non sono un bugiardo. L'ho riconosciuto con l'esperto”, dice il medico coinvolto a BFMTV. L'avvocato di Adrien Philippe Courtois spera che si svolga presto un processo. Fino ad allora, l'oftalmologo continua a esercitare a Marsiglia.

Tumori, nuova radioterapia con gli elettroni sviluppata dal Cern riduce i costi e l'esposizione del corpo alle radiazioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA