Mamma di 2 gemelli a 70 anni, è la «più anziana d'Africa»: ecco la storia di Safina

La donna è riuscita a partorire due gemelli attraverso il trattamento di fecondazione in vitro

Mamma di 2 gemelli a 70 anni, è la «più anziana d'Africa»: la storia di Safina
Mamma di 2 gemelli a 70 anni, è la «più anziana d'Africa»: la storia di Safina
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Novembre 2023, 15:24 - Ultimo aggiornamento: 20:17

Mamma a 70 anni, è così diventata la donna più anziana in Africa a partorire due gemelli attraverso il trattamento di fecondazione in vitro. Safina Namukwaya ha partorito una bambina e un bambino mercoledì pomeriggio tramite taglio cesareo, ha riferito il Women's Hospital International and Fertility Center di Kampala, in Uganda. I medici dell'ospedale hanno detto che la madre e i suoi due bambini «stanno bene dopo il parto cesareo».

Mamma a 70 anni, la storia

 

L'ospedale ha fatto sapere: «Questa storia non riguarda solo il successo medico; riguarda la forza e la resilienza dello spirito umano».

Si ritiene che la signora Namukwaya abbia dato il benvenuto a una bambina di nome Sarah nel 2020, quindi è diventata madre tre volte in altrettanti anni.

Parlando al canale NTV, la signora Namukwaya ha detto di aver sofferto alcune complicazioni e difficoltà durante la sua ultima gravidanza. Ha aggiunto che non sta più con il padre dei gemelli. «Agli uomini non piace sapere che avrai più di un figlio. Il mio uomo non si è mai fatto vivo».

 

Nel Regno Unito, il servizio sanitario nazionale offre normalmente la fecondazione in vitro solo alle donne sotto i 43 anni. Tuttavia, una donna in India è diventata la madre più anziana del mondo all’età di 74 anni nel 2019, essendosi anch’essa sottoposta alla fecondazione in vitro.

Giovanna Mezzogiorno: «Mia sorella cresciuta da due donne gay. I figli? A 12 anni non sanno cosa sia un cellulare»

La signora Namukwaya si è rivolta al Women's Hospital International and Fertility Center dopo aver tentato di avere un bambino per circa 40 anni. Ha detto di aver dovuto affrontare giudizi e critiche durante questo periodo «così difficile» Haraccontato: «Una volta, un ragazzo molto giovane mi ha insultato dicendo che ero stata maledetta da mia madre a morire senza figli». Parlando dopo aver dato il benvenuto alla sua prima figlia, Sarah, nel 2020, la Safina aveva spiegato: «Molte persone mi hanno giudicata perché sono sterile, ma ho deciso di lasciare tutto a Dio Onnipotente che ha finalmente risposto alle mie preghiere». Sebbene la fecondazione in vitro non venga generalmente offerta dal servizio sanitario nazionale a donne di età superiore ai 43 anni, alcune cliniche private forniscono questo servizio a donne di età superiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA