Sputnik, accuse alla Russia. «Rubato il progetto AstraZeneca per creare il vaccino»

I sospetti: su Sputnik studi clinici e prove "ristrette"

Lunedì 11 Ottobre 2021 di Michele Galvani
Sputnik, accuse alla Russia. «Rubato il progetto AstraZeneca per creare il vaccino»

Il progetto Oxford/AstraZeneca è stato «rubato dalla Russia» per creare il proprio vaccino Sputnik V: lo hanno rivelato alcune fonti-spia internazionali, convinte di avere prove che le spie russe che lavoravano per il Cremlino avevano rubato il progetto per il vaccino dalla multinazionale farmaceutica per dare il via al proprio vaccino. Il progetto e le informazioni sarebbero state rubate da «un agente straniero in persona»: lo riporta il tabloid The Sun. Le accuse arrivano pochi mesi dopo che il presidente Vladimir Putin ha confermato di aver ricevuto lo Sputnik V, mentre esortava i russi stessi a vaccinarsi.

Terza dose per tutti gli over 60 e fragili: somministrazione dopo almeno 6 mesi

A settembre i risultati di due primi studi clinici condotti a Mosca e pubblicati sulla prestigiosa rivista britannica The Lancet hanno indicato che il vaccino russo contro il Covid-19, che utilizza una tecnologia simile al vaccino di Oxford, è «sicuro ed efficace». Gli scienziati russi dietro gli studi hanno assicurato che il vaccino ha stimolato una risposta immunitaria in tutti i partecipanti e non ha causato gravi problemi di salute. Scienziati occidentali indipendenti hanno detto che i risultati sono "piuttosto rassicuranti", ma hanno avvertito che le prove erano troppo «piccole e ristrette» per giustificare l'iniezione a milioni di russi. Solo 76 persone sono state coinvolte nello studio e i volontari erano tutti sani e per lo più tra i 20 ei 30 anni.

 

Scienziati negli Stati Uniti e nel Regno Unito, che non erano coinvolti nel lavoro, hanno spiegato che i risultati sono "incoraggianti". Tuttavia, erano ancora preoccupati per la qualità della ricerca. Le prove si sono svolte in due ospedali di Mosca, l'ospedale Burdenko e l'ospedale universitario Sechenov. I partecipanti avevano un'età compresa tra i 18 ei 60 anni e tutti erano ritenuti sani, senza condizioni di salute di base. Nella fase 1 dello studio, ai volontari è stata somministrata una parte del vaccino per vedere se avessero avuto effetti collaterali negativi.

Astrazeneca a Fda: autorizzare terapia anticorpi prevenzione Covid per chi non può fare il vaccino

Quasi il 60% dei partecipanti ha sofferto di dolore nella zona della iniezione, mentre la metà ha sofferto di temperature elevate, considerati comunque effetti lievi e accettabili. Quattro su 10 hanno riportato mal di testa, mentre un quarto si sentiva debole o privo di energia e il 24% aveva dolori muscolari e articolari. Tutti questi sintomi erano lievi e abbastanza comuni in molti altri vaccini adenovirus, quindi «lo Sputnik V è stato ritenuto sicuro e ben tollerato». 

Lo studio è arrivato dopo che Putin ha confermato di aver ricevuto lo Sputnik V. Il Cremlino aveva precedentemente affermato che Putin stesso aveva ricevuto un vaccino a due dosi a marzo e aprile, ma non ha fornito ulteriori dettagli e non ha pubblicato immagini di lui che lo riceveva. Ma Putin aveva ufficialmente garantito. «Come puoi vedere, tutto è in ordine e grazie a Dio non abbiamo situazioni così tragiche dopo le vaccinazioni», aggiungendo che 23 milioni degli oltre 144 milioni di abitanti della Russia sono stati vaccinati.

A luglio, le fabbriche russe di troll di Internet sono state accusate di una campagna di diffamazione anti-Pfizer Covid da un rapporto del Network Contagion Research Institute. Il documento sosteneva che lo scopo della campagna di disinformazione era promuovere il vaccino Sputnik V del paese. Le tattiche utilizzate dalla campagna diffamatoria includevano il rilascio e la promozione di una copertura negativa di Pfizer e il targeting di paesi specifici. Il rapporto afferma che un approccio insolito ha visto le società di marketing russe rivolgersi direttamente a figure popolari per cercare di convincerle ad agire sulle loro piattaforme Facebook e Instagram.

 

Il rapporto affermava che il russo si era concentrato anche sulla diffusione dei messaggi in Brasile, India, Indonesia e Canada. Ciò era dovuto al fatto che credevano che quei paesi fossero visti come potenziali mercati di esportazione per Sputnik. Il documento del CNRI continuava: "In un post sul blog del Council on Foreign Relations, i membri di Novetta, una società di monitoraggio della disinformazione, hanno rivelato che nell'autunno del 2020, molto prima che i produttori di vaccini rilasciassero dati per confermare l'efficacia del vaccino, l'opinione pubblica di Sputnik V in L'Africa era sospettosamente  buona. La società di analisi Novetta ha anche scoperto che il vaccino russo ha avuto il «secondo tasso più alto di citazioni positive (66%) nella copertura mediatica africana e la seconda percezione negativa più bassa (11%)».

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA