Vaccini efficaci «con due dosi, non c'è bisogno della terza»: nuovo studio su Lancet

Martedì 14 Settembre 2021 di Giuseppe Scarpa
Vaccini efficaci «con due dosi, non c'è bisogno della terza»: nuovo studio su Lancet

I vaccini sono abbastanza efficaci nel prevenire casi gravi di Covid-19, per questo non sarebbe necessario somministrare una terza dose, secondo un rapporto pubblicato su The Lancet lunedì. Alcuni Paesi hanno iniziato a offrire dosi extra per i timori sulla variante Delta. Il nuovo rapporto degli scienziati ha concluso che anche con la minaccia del Delta, le «dosi di richiamo per la popolazione generale non sono appropriate in questa fase della pandemia».

Terza dose, studio sulle varianti

 

Gli autori, che hanno esaminato studi clinici, hanno scoperto che i vaccini rimangono altamente efficaci contro i sintomi gravi di Covid-19, in tutte le principali varianti del virus, incluso Delta, sebbene abbiano avuto un successo inferiore nella prevenzione dei casi asintomatici della malattia.

Terza dose, via libera in Gran Bretagna. Ok a vaccino fra 12-15 anni e mai più lockdown

«Presi nel loro insieme, gli studi attualmente disponibili non forniscono prove credibili di un sostanziale declino della protezione contro le malattie gravi, che è l'obiettivo primario della vaccinazione», ha affermato l'autore principale Ana-Maria Henao-Restrepo, dell'Oms. Ha detto che le dosi di vaccino dovrebbero essere prioritarie per le persone in tutto il mondo che stanno ancora aspettando un vaccino. «Se i vaccini vengono distribuiti dove farebbero meglio, potrebbero accelerare la fine della pandemia inibendo l'ulteriore evoluzione delle varianti», ha aggiunto. 

Vaccini, nel Lazio terza dose ai trapiantati dalla prossima settimana

Paesi come la Francia hanno iniziato a distribuire la terza dose agli anziani e alle persone con sistema immunitario compromesso, mentre Israele è andato oltre, offrendo ai bambini di età pari o superiore a 12 anni una terza dose cinque mesi dopo aver ricevuto una seconda dose. Il capo dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha invitato i Paesi a evitare di erogare dosi extra di vaccino Covid fino alla fine dell'anno poiché l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite esorta tutte le nazioni a vaccinare almeno il 10% della loro popolazione entro la fine di questo mese e almeno il 40 per cento entro la fine di quest'anno.

Lo studio Lancet ha concluso che le varianti attuali non si sono sviluppate a sufficienza per sfuggire alla risposta immunitaria fornita dai vaccini attualmente in uso. Gli autori sostengono che se emergono nuove mutazioni virali in grado di eludere questa risposta, sarebbe meglio fornire booster di vaccino appositamente modificati mirati alle varianti più recenti, piuttosto che una terza dose di un vaccino esistente. Commentando lo studio, Azra Ghani, cattedra di epidemiologia delle malattie infettive, presso l'Imperial College di Londra, lo ha descritto come una «revisione molto approfondita» della ricerca attuale.

 

Ma ha detto che mentre la riduzione dell'efficacia dei vaccini contro varianti come Delta potrebbe essere piccola, se considerata in una popolazione potrebbe comunque portare a "un aumento sostanziale" delle persone che necessitano di ricovero in ospedale. «Anche nei paesi più sviluppati, queste piccole differenze possono mettere a dura prova il sistema sanitario», ha affermato in una dichiarazione al Science Media Center, aggiungendo che non esiste un approccio "taglia unica" per i vaccini di richiamo.

Ultimo aggiornamento: 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA