Vaccino AstraZeneca, studio su Lancet: «Efficace al 76% dopo una dose, con il richiamo arriva all'82%»

Lunedì 15 Febbraio 2021 di L. Ram.
Vaccino AstraZeneca, studio su Lancet: «Efficace al 76% dopo una dose, con il richiamo arriva all'82%»

ROMA Il vaccino anti Covid di AstraZeneca funziona meglio del previsto già dopo la prima dose. E offre una protezione maggiore se trascorrono almeno 12 settimane tra la prima e la seconda somministrazione. Almeno questo emerge in uno studio dell'Università di Oxford pubblicato nei giorni scorsi in preprint dalla rivista The Lancet. Il titolo è The influence of the timing of the booster dose on immunogenicity and efficacy (somministrazione a dose singola e l'influenza della tempistica della dose di richiamo sull'immunogenicità e l'efficacia del vaccini).

Va ricordato che AstraZeneca è uno dei tre vaccini già autorizzati in Europa e in Italia, la somministrazione è già iniziata anche nel nostro Paese, ma con un limite suggerito dall'Aifa (agenzia del farmaco) che esclude gli over 55. Lo studio analizza la fase 3 della sperimentazione e arriva ad alcune conclusioni interessanti: c'è una riduzione della trasmissione del virus e dei casi gravi. Più di 22 giorni dopo la prima dose non si è verificato alcun caso grave di malattia né ricoveri, secondo i primi dati dei trial clinici svolti in Gran Bretagna, Brasile e Sudafrica, discussi in una conferenza stampa virtuale. I risultati dimostrano un'efficacia del vaccino del 76 per cento dopo una prima dose, che si mantiene fino alla seconda. E l'efficacia aumenta all'82% con un intervallo di 3 mesi. I dati mostrano, sempre secondo l'analisi svolta dall'Università di Oxford, che il vaccino ha il potenziale di ridurre la trasmissione asintomatica del virus.


Verifiche


Dall'analisi dei tamponi settimanali dei volontari nel trial britannico, emerge che le positività al tampone molecolare sono diminuite del 67 per cento dopo una dose e del 50 per cento dopo due. Questo, secondo AstraZeneca, garantisce un «impatto sostanziale sulla trasmissione di Sars-Cov-2». I risultati pubblicati su Lancet riguardano 17.177 partecipanti, di cui 332 casi sintomatici di Covid, arruolati nei trial di fase 3 in Gran Bretagna, Brasile e Sudafrica, altri 201 casi rispetto a quelli precedentemente riportati.

«Questa prima analisi - sostiene Mene Pangalos, vicepresidente esecutivo R&S BioPharmaceuticals, AstraZeneca - riconferma che il nostro vaccino previene malattie gravi e tiene le persone fuori dall'ospedale. Inoltre, l'estensione dell'intervallo di somministrazione fra le dosi non solo aumenta l'efficacia del vaccino, ma consente anche a più persone di essere vaccinate in anticipo. Insieme alle nuove scoperte sulla trasmissione ridotta, riteniamo che questo vaccino avrà un impatto reale sulla pandemia». Questo scenario va a rafforzare la scelta del Regno Unito che, travolto dalla diffusione della variante inglese, sta strategicamente vaccinando più persone possibile con la prima dose, privilegiando questa mossa al completamento della doppia somministrazione.

Ultimo aggiornamento: 13:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA