Covid, un contagiato su tre avrà sintomi a lungo termine

Giovedì 30 Settembre 2021
Covid, un contagiato su tre avrà sintomi a lungo termine

Una persona su tre  infetta da coronavirus sperimenterà almeno un sintomo del long Covid. Finora gran parte della ricerca esistente si era basata su una serie di sintomi segnalati da persone che si erano ammalati di Covid mesi prima e che riferivano su sintomi auto-diagnosticati o piccoli studi. Ora i ricercatori dell'Università di Oxford, del National Institute for Health Research (NIHR) e dell'Oxford Health Biomedical Research Center (BRC) hanno gettato nuova luce sulla portata del problema dopo aver studiato più di 270.000 persone guarite dal coronavirus negli Stati Uniti. Hanno scoperto che il 37% dei pazienti aveva almeno un lungo sintomo di Covid diagnosticato da tre a sei mesi dopo l'infezione. I sintomi più comuni erano principalmente problemi respiratori, sintomi addominali, affaticamento, dolore e ansia o depressione.

No vax, un Covid party per contagiarsi ed evitare il vaccino. Ma finiscono in terapia intensiva

«I risultati confermano che una percentuale significativa di persone, di tutte le età, può essere colpita da una serie di sintomi e difficoltà nei sei mesi successivi all'infezione da Covid-19», ha affermato il dottor Max Taquet, accademico del NIHR. La gravità dell'infezione, l'età e il sesso sono elementi che influirebbero sulla comparsa dei sintomi a lungo termine secondo i dati della rete di cartelle cliniche elettroniche TriNetX con sede negli Stati Uniti. I sintomi lunghi del Covid sarebbero più frequenti in coloro che sono stati ricoverati e sarebbero leggermente più comuni nelle donne, secondo lo studio pubblicato sulla rivista PLOS Medicine. I sintomi post-malattia come il Covid lungo sono probabilmente più comuni di quanto pensiamo. Diversi fattori influenzerebbero anche la tipologia dei sintomi. Ad esempio, le persone anziane e gli uomini hanno più difficoltà respiratorie e problemi cognitivi, mentre i giovani e le donne avevano più mal di testa, sintomi addominali e ansia o depressione. I pazienti Covid ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di soffrire di problemi cognitivi come nebbia cerebrale e affaticamento rispetto alle persone che non hanno bisogno di essere ricoverate, secondo la ricerca. Chi non è stato ricoverato ha maggiori probabilità di avere mal di testa rispetto a chi non è ha avuto bisogno di cure ospedaliere.

Ictus, encefalopatia, disturbi cognitivi: tutti gli effetti neurologici del Covid. I dati al congresso mondiale di Neurologia

«Questi dati completano i risultati dei sondaggi self-report”. Ora abbiamo bisogno di servizi opportunamente configurati per far fronte alle esigenze cliniche attuali e future», ha affermato Taquet. Lo studio ha anche esaminato gli stessi sintomi nelle persone che si stavano riprendendo dall'influenza. Le persone che contraggono l'influenza possono avere sintomi prolungati simili a quelli osservati in alcuni pazienti con Covid lungo, suggerisce lo studio, ma i sintomi duraturi si verificano in misura molto minore in coloro che hanno avuto l'influenza. I sintomi legati al Covid lungo erano il 50% più comuni tra coloro che avevano il Covid rispetto a quelli che avevano l'influenza, hanno stimato i ricercatori.

Ultimo aggiornamento: 09:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA