Covid, l'Inghilterra applaude l'Italia: «Così ha rispettato le regole e ora vuole evitare la seconda ondata»

Mercoledì 29 Luglio 2020 di Michele Galvani
Covid, l'Inghilterra applaude l'Italia: «Ha rispettato le regole, così vuole evitare la seconda ondata»

«L'Italia è stata la prima nazione europea ad essere inghiottita dal coronavirus, ma poiché la prospettiva di un altro blocco si profila in alcuni dei suoi Stati vicini, il paese è riuscito a evitare una ripresa delle infezioni. Almeno finora». Tre virologi esperti che hanno parlato con il Guardian hanno certificato le buone azioni dell'Italia: la maggior parte della popolazione «ha seguito diligentemente le regole di sicurezza, con molte persone che indossavano mascherine per il all'esterno anche se non è obbligatorio».

Il 4 maggio, quando l'Italia ha iniziato ad allentare le restrizioni al blocco, sono stati segnalati più di 1.200 nuovi casi in un giorno. Dal 1° luglio, l'incremento giornaliero è stato relativamente statico, raggiungendo un massimo di 306 il 23 luglio e scendendo a 181 martedì. Diversi cluster di Covid-19 sono emersi in tutto il paese, ma ciò è dovuto principalmente alle infezioni importate dall'estero. Nel frattempo, Spagna, Francia, Germania e Belgio potrebbero essere sull'orlo di una seconda ondata dopo un forte aumento del numero di casi. «Siamo stati particolarmente attenti», ha detto Walter Ricciardi, consigliere del ministero della salute. «Non abbiamo riaperto le scuole, come hanno fatto in Francia: siamo stati attenti alla ricerca dei contatti e siamo riusciti a mantenere una buona catena di comando e coordinamento per limitare l'esplosione di cluster».
 

«La situazione oltre i confini dell'Italia è stata una delle ragioni per cui il primo ministro italiano, Giuseppe Conte, martedì ha esteso lo stato di emergenza del paese fino ad ottobre - scrive il Guardian -, nonostante un significativo calo del tasso di infezione. Ciò significa che continuerà ad avere il potere di imporre un blocco e altre misure di sicurezza senza bisogno dell'approvazione del parlamento».

Virus, ristorante chiuso a Jesolo, dipendenti posititivi. Si teme un focolaio partito dalla moschea 

Nonostante raduni fuori da bar e spiagge affollate, per la maggior parte sono stati ampiamente osservati l'allontanamento fisico e l'uso di maschere. «I leader regionali hanno agito rapidamente contro coloro che non rispettano le regole. In Campania si rischia una multa di 1.000 euro». Gli italiani «prendono molto sul serio la loro salute», ha detto Ricciardi. «La cosa più importante è continuare a prestare molta attenzione, soprattutto ai casi importati». L'Italia ha vietato gli arrivi da 16 paesi ritenuti ad alto rischio, tra cui Bangladesh, Brasile, Cile, Perù e Kuwait, e dalla scorsa settimana ha richiesto alle persone che rientrano dalla Romania e dalla Bulgaria di mettere in quarantena per 14 giorni. La norma di quarantena è già in vigore per i paesi extra UE e non Schengen.

Covid e la mappa del rischio: dalla Francia alla Romania l'assedio del virus all'Italia

L'infettivologa Gloria Taliani ha sottolineato che l'elevato numero di test in corso, anche su coloro che sono stati ricoverati in ospedale per qualsiasi motivo o che visitano un'unità di emergenza, «ha anche contribuito a limitare la diffusione dell'infezione. Ciò ha contribuito non solo a evitare le epidemie ospedaliere ma a identificare l'origine dell'infezione», ha detto. «Ma dobbiamo ancora essere molto cauti: l'allontanamento fisico, le mascherine e il frequente lavaggio delle mani, queste sono le regole fondamentali».

Belgio, scatta coprifuoco notturno La Germania sconsiglia viaggi in Spagna

Il giorno peggiore è stato il 27 marzo, quando sono stati segnalati 919 decessi. Martedì ci sono stati 11 nuovi decessi. In tutto il paese, 40 persone sono attualmente in terapia intensiva con Covid-19, in calo rispetto a oltre 4.000 all'inizio di aprile. L'età media delle persone infette negli ultimi 30 giorni è di 42 anni, secondo i dati dell'istituto sanitario superiore. Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano, ha spiegato che l'Italia si trova in uno «stato di limbo» e che forse la stabilità è stata semplicemente dovuta ad un po' di fortuna. «Per ora le cose stanno andando bene, ma stiamo camminando su una linea sottile», ha avvertito. «Questa situazione stabile potrebbe finire male o portare avanti lo stesso, ma ciò dipenderebbe da due cose: la continua capacità di identificare i gruppi e il comportamento della maggioranza degli italiani».
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA