Coronavirus, ecco quali sono le età più a rischio e le patologie nei casi critici

Martedì 18 Febbraio 2020

Ad oggi l«epidemia da Sars-Cov-2  (il nome tecnico del coronavirusnon ha fatto vittime sotto i 9 anni, mentre la stragrande maggioranza delle morti è avvenuta tra gli over 80. Lo afferma il maggiore studio epidemiologico realizzato su oltre 44mila casi, pubblicato dal Chinese Journal of Epidemiology. L'analisi del Chinese Centre for Disease Control and Prevention ha riscontrato una mortalità per il virus del 2,9% nella provincia di Hubei, 'epicentrò dell'epidemia, nel resto della Cina è dello 0,4%.

Coronavirus, l'Oms sfata il mito: «Freddo e gelo non lo annientano»

L'80,9% delle infezioni è lieve, il 13,8% grave nel 4,7% si tratta di casi critici, con sintomi come insufficienza respiratoria, shock settico o insufficienza multiorgano. L'86% dei casi si è verificato nei pazienti tra 30 e 79 anni. Il rischio di morte è maggiore tra gli uomini (2,8%) che tra le donne (1,7%), e il tasso di mortalità cresce dallo 0,2% tra 10 e 39 anni al 14,8% sopra gli 80. »Oltre all'età - scrivono gli autori - un altro fattore di rischio è la presenza di malattie preesistenti, in primis quelle cardiovascolari, diabete, insufficienza respiratoria cronica e ipertensione».

Influenza aviaria, focolaio in Bulgaria: abbattuti migliaia di violatili
Coronavirus, la Cina sterilizza il denaro per evitare la diffusione del contagio
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA