Vaccino, reazioni allergiche dopo la prima dose. «Ma la seconda è sicura, non sospendere tutto». La ricerca

Martedì 27 Luglio 2021 di Lorena Loiacono
Vaccino, reazioni allergiche dopo la prima dose. «Ma la seconda è sicura, non sospendere tutto». La ricerca

Si può procedere alla seconda dose di Pfizer e Moderna anche se la prima ha dato reazioni allergiche immediate. Non bisogna rinunciare, quindi, a completare la vaccinazione. Nei primi giorni della somministrazione del vaccino sono stati registrati rari casi di anafilassi, dai due ai cinque casi per milione di persone. L'allarme iniziale ha spinto i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie ad aspettare per la seconda dose, nei casi in cui si fosse manifestata una reazione allergica immediata dopo la prima. I pazienti sono stati inviati a rivolgersi al proprio medico per valutare la seconda somministrazione e il diverso tipo di vaccino.

Reazioni al vaccino, sì alla seconda dose

 

Ma i risultati di JAMA Internal Medicine indicano che potrebbe non essere necessario sospendere tutto: è quanto emerge da una ricerca, effettuata dagli allergologi del Massachusetts generale hospital e pubblicata da JAMA Internal medicine, che ha analizzato le reazioni fra 189 pazienti, combinando i dati raccolti dai medici a cui si sono rivolti i pazienti.

Von der Leyen: «L'Ue ha mantenuto la parola, una dose al 70% adulti, ma la variante Delta è molto pericolosa, vaccinatevi»

No-vax, nega il virus fino all'ultimo istante: Marco De Veglia (guru del marketing) muore a 55 anni

REAZIONI DIFFUSE - Tra questi, 130 avevano avuto la prima dose di Moderna e 59 di Pfizer-BioNTech. Le reazioni più frequenti alla prima dose sono state le vampate o gli eritemi, nel 28% dei casi, vertigini o stordimento nel 26%, formicolio per il 24%], senso di oppressione alla gola per il 22%, orticaria per il 21% e respiro sibilante o mancanza di respiro per il 21% dei casi. Trentadue, quindi il 17%, hanno avuto invece casi di anafilassi vera e propria.

 

ESITI DELLA RICERCA - Complessivamente 159 pazienti, quindi l'84% del totale, hanno ricevuto la seconda dose e tutti, comprese 19 persone che avevano avvertito l'anafilassi dopo la prima dose, hanno ben tollerato la seconda. Trentadue pazienti, quindi il 20%, hanno lamentato i sintomi potenzialmente allergici dopo la seconda dose ma in forma lieve e superati con gli antistaminici. «Un aspetto importante di questo studio – ha rilevato Kimberly Blumenthal, il co-direttore del programma clinico di epidemiologia, all'interno della divisione di MGH di reumatologia, allergia ed immunologia - è che queste reazioni registrate dopo la prima dose il vaccino del mRNA non possono essere causate dall'allergia classica, chiamato ipersensibilità immediata, perché una ulteriore esposizione all'allergene potrebbe causare gli stessi sintomi e anche peggiori. Ma non è accaduto».

«Il virus non andrà via per decenni, forse secoli»: la previsione del professore inglese

Green Pass, D’Amato: «Riaprire le discoteche, gli abusi sono rischiosi»

Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA