Tumori "visibili" nel sangue: il prelievo li identifica prima della comparsa dei sintomi

Il nuovo metodo di analisi sanguigna è stato testato su 6.621 volontari negli Stati Uniti

Rilevare la presenza dei tumori nel sangue è possibile? Ecco cosa ha scoperto uno studio americano
Rilevare la presenza dei tumori nel sangue è possibile? Ecco cosa ha scoperto uno studio americano
2 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Ottobre 2022, 17:18 - Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre, 09:19

Uno studio americano ha dimostrato che è possibile rilevare la presenza di tumori nel sangue.

Oscar Schmidt, l'ex campione di basket malato di tumore rinuncia alla chemio. Il cancro al cervello diagnosticato nel 2011

Rilevare i tumori nel sangue: la ricerca dice che è possibile

È quindi possibile individuare nel sangue cellule cancerose, pronte a "esplodere", ben prima della comparsa dei primi sintomi. Secondo lo studio queste cellule lasciano dietro di sè una scia biochimica, rilevabile attravero un nuovo e semplice esame del sangue: il test Galleri.

Il nuovo metodo di analisi sanguigna è stato testato su 6.621 volontari negli Stati Uniti. La sperimentazione ha consentito ai ricercatori di trovare alcuni tumori prima di quanto consentito dai normali strumenti di screening. Il test si basa sull'analisi di frammenti di DNA circolanti nel sangue, frammenti che possono essere associati alla presenza di alcune cellule tumorali grazie all'intelligenza artificiale. I risultati di questo studio chiamato "Pathfinder" potrebbero essere un punto di svolta nello screening del cancro. Altri studi più approfonditi sono già in corso e dovrebbero consentire, nei prossimi anni, di identificare i contesti in cui questi nuovi test sono maggiormente vantaggiosi. 

Rita Calore, chi era la mamma di Stefano Cucchi: simbolo della lotta per la verità e la giustizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA