Tumore al seno, il 2 ottobre "Bicinrosa": la ciclopedalata dedicata alla prevenzione

La carovana rosa organizzata dalla Breast Unit della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico partirà alle 10.30 dal Foro di Traiano: percorso per le strade del centro storico

Lotta tumore al seno: il 2 ottobre torna "Bicinrosa" la ciclopedalata dedicata alla prevenzione, focus sui test genomici gratuiti nessuno perde, tutti vincono!
Lotta tumore al seno: il 2 ottobre torna "Bicinrosa" la ciclopedalata dedicata alla prevenzione, focus sui test genomici gratuiti nessuno perde, tutti vincono!
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Settembre 2022, 12:55

Torna il 2 ottobre per le strade del centro di Roma “Bicinrosa”, la ciclopedalata organizzata dalla Breast Unit della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico per sostenere la ricerca scientifica, promuovere la prevenzione del tumore al seno, l’attività sportiva e i corretti stili di vita.

Al grido della prevenzione “Nessuno perde, tutti vincono!” Bicinrosa donne e uomini su due ruote pedaleranno lungo un percorso protetto di circa 4 chilometri per le strade del centro di Roma. Partenza e arrivo al Foro di Traiano in via dei Fori Imperiali con sviluppo lungo via dei Fori Imperiali e via Petroselli, per arrivare in piazza Venezia, piazza del Popolo e ritorno al Foro di Traiano.

La partenza della carovana rosa è fissata per domenica 2 ottobre alle 10.30: al raduno si potrà arrivare con la propria bicicletta, affittarla presso i negozi della zona o prenderne una messa a disposizione dagli organizzatori (fino a esaurimento). Per iscriversi è sufficiente cliccare su www.bicinrosa.it/ o lasciare i propri dati direttamente sul posto: sarà distribuito il pacco con la maglietta di Bicinrosa contribuendo alle attività di ricerca scientifica contro il tumore al seno della Breast Unit del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Giunta alla sesta edizione, “Bicinrosa” ospita quest’anno un focus sui Test genomici gratuiti che aiutano a capire quando la chemioterapia è utile o meno nella cura della malattia, perché ogni paziente rappresenta un caso a sé e reagisce diversamente alle cure.

“Fino ad oggi solo in un caso su 4 nei pazienti sottoposti a chemioterapia i medici hanno la certezza che la cura sia efficace – spiega il prof. Vittorio Altomare, responsabile della Breast Unit della Fondazione Policlinico universitario Campus Bio-Medico - I test genomici offerti dal Servizio Sanitario Regionale rappresentano un importante risultato della ricerca in quanto riescono a selezionare le pazienti idonee e ad evitare trattamenti inutili e i relativi effetti collaterali, con un evidente guadagno per le pazienti in termini di qualità di vita. Questa vera e propria “target terapy” permette inoltre un notevole risparmio economico alla collettività”.

Con i test genomici è quindi possibile scoprire la tipologia e il livello di aggressività di un tumore al seno e combatterlo nel modo più efficace. Le linee guida internazionali li raccomandano da tempo e nel Lazio sono stati messi a disposizione gratuitamente dallo scorso marzo, ma ancora sono poco conosciuti dai cittadini e in Italia vengono offerti solo in 11 regioni su 20 (Lazio, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia, Valle d'Aosta, Veneto, Sardegna, Abruzzo).

“A tutti ricordiamo i tre principi guida di Bicinrosa – sottolinea il professor Altomare – l’importanza della prevenzione, dell’attività sportiva e i corretti stili di vita. Sono le migliori armi che abbiamo per combattere tutti i giorni il tumore al seno, prima che compaia nelle nostre vite”.

Secondo gli ultimi dati AIOM 2021 (www.aiom.it) nel 2020 in Italia sono state stimate circa 55.000 nuove diagnosi di tumore al seno nelle donne. A fronte di tale incidenza la sopravvivenza netta a 5 anni dalla diagnosi raggiunge l’88 per cento mentre la mortalità per il 2021 è stimata in 12.500 decessi. Ad oggi in Italia sono ben 834.200 le donne viventi dopo una diagnosi di tumore della mammella.

Bicinrosa aderisce alle iniziative della Regione Lazio per l’Ottobre Rosa ed è organizzata dalla Breast Unit della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico con la collaborazione dell’Associazione Amici dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Onlus e di Europe Direct Roma Innovazione, il patrocinio della Regione Lazio e di Roma mobilità, il supporto organizzativo di ASD Ciclismo Lazio, TiburTeam e Lime e il supporto di Dimensione suono soft.

Tumori e alimentazione: «Una dieta povera di zuccheri per "fermare" il cancro». I consigli del medico di Carolina Marconi

© RIPRODUZIONE RISERVATA