Covid, la moda (pericolosa) di bandane, stoffe e mascherine fai-da-te. Ma gli scienziati: «Non proteggono»

Giovedì 19 Novembre 2020 di Michele Galvani
Covid, la moda (pericolosa) di bandane, stoffe e mascherine fai-da-te. Gli scienziati: «Non proteggono»

Mascherine fai-da-te, bandane, stoffe portate da casa. La moda (pericolosa) sta prendndo piede, soprattutto tra i ragazzi (ma non solo) e allora gli scienziati avvertono: «Si corrono rischi, non sono protettive contro il Covid». Brady Bowman ad esempio, uno studente di 19 anni dell'Università del Colorado Boulder e due amici passeggiavano lungo la strada, tutti sfoggiando ghette sul collo arancione e bianche. Brady pensa che siano solo più comode da indossare di una mascherina classica. «Soprattutto una giornata come oggi, dove fa freddo», ha detto, con la parte superiore della ghetta abbassata sotto il mento. Più elegante? Forse. Più comodo? Può essere. Ma altrettanto efficace? Non necessariamente. Con più Stati che richiedono coperture per il viso per prevenire la diffusione del virus, ghette e bandane sono diventati accessori popolari, in particolare tra gli studenti universitari e altri giovani. Meno restrittive delle mascherine, possono essere facilmente sollevate o abbassate secondo necessità e non trasmettono quell'atmosfera di «qualcuno uscito dall'ospedale».

Covid, il Governo studia il nuovo Dpcm per le feste di Natale

Ma i test dimostrano che quei rivestimenti per il viso alla moda non sono efficaci quanto le mascherine chirurgiche o in tessuto. Le bandane, come le visiere di plastica, consentono al virus di fuoriuscire dal fondo in particelle aerosol che possono rimanere sospese nell'aria per ore. E le ghette sono spesso realizzate con un materiale così sottile da non intrappolare tanto virus quanto le maschere di stoffa.

 

Mentre i nuovi casi di coronavirus, i ricoveri e i decessi aumentano, molti esperti di salute pubblica si chiedono se sia il momento di andare, verso una maggiore standardizzazione di mascherine di qualità superiore. In California, ad esempio, una nuova guida che richiede alla maggior parte dei residenti di indossare rivestimenti per il viso in ambienti pubblici lascia alle persone la possibilità di utilizzare magliette, asciugamani o qualsiasi altro panno che nasconda il naso e la bocca. Secondo quanto riferito, il presidente eletto Joe Biden sta riflettendo su un mandato nazionale standard di copertura del viso, che potrebbe non solo aumentare l'uso della mascherina, ma anche definire meglio per gli americani quale tipo di copertura sarebbe più protettiva. «A differenza delle cinture di sicurezza, dei profilattici o di altre strategie di prevenzione, non abbiamo ancora standardizzato ciò che raccomandiamo al pubblico», ha affermato la dottoressa Monica Gandhi, specialista in malattie infettive presso l'UC San Francisco. «E questo ha confuso il pubblico americano: avere tutte queste mascherine sul mercato».

Vaccino Covid, Vaia (Spallanzani): «Dosi prima agli anziani e da dicembre nuove cure basate sulle monoclonali»

È stato dimostrato che le mascherine riducono la diffusione delle goccioline respiratorie che contengono il coronavirus. E i Centers for Disease Control and Prevention ora affermano che le mascherine non solo aiutano a impedire alle persone di infettare gli altri, ma aiutano anche a proteggere chi le indossa. Secondo una recente analisi dell'Institute for Health Metrics and Evaluation, l'implementazione di mascherine universali a fine settembre avrebbe salvato quasi 130.000 vite americane entro la fine di febbraio.

Covid-19, assembramenti e mancato uso della mascherina: raffica di multe ai giovani

Almeno 37 Stati e il Distretto di Columbia hanno imposto le coperture ma Maryland e Rhode Island ad esempio, includono bandane o ghette per il collo, mentre la Carolina del Sud e il Michigan no. La produzione di mascherine di stoffa era quasi inesistente negli Stati Uniti prima della pandemia, quindi i funzionari della sanità pubblica all'inizio dell'anno hanno optato per sottolineare l'importanza di indossare qualsiasi copertura per il viso piuttosto che cercare di concentrarsi su uno standard preciso. Di conseguenza, gli americani ora indossano «un miscuglio di rivestimenti», dalle versioni cucite in casa a quelle commerciali, con vari livelli di protezione.

Covid Roma, focolaio al gruppo Aurelio dei vigili: i positivi salgono a 18, grave una donna. Il comando: Asl sempre aggiornata

Il dottor Iahn Gonsenhauser, uno specialista in malattie infettive presso l'Ohio State University Wexner Medical Center, ha spiegato le tre categorie di efficacia delle protezioni. Maschere N95 senza valvole, maschere chirurgiche e maschere in tessuto costruite con materiale a trama fitta che viene piegato due o tre volte e coprono adeguatamente la bocca e il naso sono nella categoria altamente efficace. «Le bandane sono in genere un materiale più sottile, quindi se non vengono raddoppiate o triplicate, ciò può consentire alle goccioline respiratorie, in particolare, di muoversi attraverso le maschere», ha detto Gonsenhauser. «Ma il fatto che siano aperti lungo la parte inferiore della bocca e del collo, se non sono infilati in una maglietta o qualcosa del genere, consente anche a molte delle goccioline di espirazione di fuoriuscire intorno alla mascherina e di disperdersi nell'aria».

Molti paesi asiatici, dove indossare la mascherina è stata una norma culturale per decenni, sono stati in grado di riaprire le loro economie senza vedere tassi di mortalità nemmeno lontanamente alti come negli Stati Uniti o in Europa. «La gente in Asia cammina spalla a spalla, va negli uffici, va a scuola. Ma sono tutti con le mascherine e hanno tassi molto bassi di malattie gravi», ha concluso Monica Gandhi.

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA