Mascherine, Bassetti: «Talebanismo italico, fungono più da ansiolitici che da reale protezione»

L'infettivologo genovese su Facebook: "Solo grazie al vaccino torniamo a vivere"

Mascherine, Bassetti: «Talebanismo italico, fungono più da ansiolitici che da reale protezione»
Mascherine, Bassetti: «Talebanismo italico, fungono più da ansiolitici che da reale protezione»
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 10:22 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 09:28

Matteo Bassetti e il caso delle mascherine. «Il talebanismo italico sulla mascherina in ogni caso non ci ha evitato di essere uno dei paesi europei con il maggior numero di contagi. La mascherina è ormai una sorta di coperta di Linus che funge più da ansiolitico che non da reale dispositivo di protezione individuale. Se qualcuno sa cosa vuol dire».

Omicron 2, Pregliasco: «I contagi crescono per colpa delle riaperture e della variante»

Mascherine: cinque regole per continuare a stare in sicurezza. Cauda (Gemelli): «Ecco dove è meglio portarla con sè, anche all'aperto»

Così l'infettivologo genovese su Facebook commenta l'entrata in vigore delle nuove regole anti Covid dal primo maggio.

«Guardandomi in giro per strada e nei negozi mi rendo conto di quale errata comunicazione si sia fatta in Italia su mascherine e vaccini. - afferma Bassetti - La mascherina è oggi vista come il miglior mezzo per difenderci dal covid, anche da quegli anziani o persone fragili che hanno deciso di non fare il booster o la quarta dose. Dicono: la mascherina mi protegge dal contagio, il vaccino no. Ma vi rendete conto di cosa siamo riusciti a creare in Italia? Solo grazie al vaccino oggi torniamo a vivere e chi si contagia da vaccinato tripla dose fa una forma più o meno leggera ma, salvo qualche eccezione, non si ammala in maniera grave».

 

Omicron, dalla reinfezione con terza dose all'estate senza virus: 5 fake news sul Covid smentite dall'immunologo

© RIPRODUZIONE RISERVATA