Covid, dopo 3 ore il virus muore sulle superfici di carta: ecco i materiali dove sopravvive più a lungo

Lunedì 15 Febbraio 2021
Covid, dopo 3 ore il virus muore sulle superfici di carta: ecco i materiali dove sopravvive di più

La carta non è un ambiente favorevole per il Covid, mentre lo è la plastica: lo rivela uno studio condotto dall'Indian Istitute of Technology di Mumbai, in India, pubblicato sulla rivista scientifica Physics of Fluids. In particolare, secondo i ricercatori il nuovo coronavirus può sopravvivere per 4 giorni sul vetro, per 7 giorni sulla plastica e sull'acciaio inossidabile. Sulla stoffa, invece, il virus può restare solo per due giorni e sulla carta, invece, soltanto 3 ore.

«La variante inglese del virus non colpisce di più i bambini». Lo studio dell'Iss

Pertanto l'Indian Istitute of Technology suggerisce di ripensare i rivestimenti dei luoghi pubblici dove - generalmente - gli assembramenti sono praticamente inevitabili. Parchi, centri commerciali, ristoranti o sale d'attesa, secondo i ricercatori dovrebbero quindi avere coperture fatte di stoffa per ridurre il rischio di contagio da Covid. Sia nelle superfici impermeabili sia per quelle porose, si legge nella ricerca, il 99,9% del contenuto di liquido delle droplet (le goccioline dell'espettorato che potrebbero portare Sars-Cov-2), evapora entro i primi minuti.

 

Doppia mascherina a scuola contro la variante inglese. I presidi: «Protezione durante le lezioni»

L'evaporazione

Dopodiché un sottile film liquido residuo rimane sulle superfici solide: lì il virus potrebbe sopravvivere a lungo. Gli studiosi hanno notato che l'evaporazione di questo film residuo è più veloce sulle superfici porose rispetto a quelle impermeabili.

 

Mascherine, esperti Usa: «Vanno indossate più strette». Così trasmissione ridotta del 96,5%

«Sulla base del nostro studio - dice Sanghamitro Chatterjee, uno degli autori della ricerca - consigliamo di rivestire i mobili di ospedali e uffici realizzati con materiale impermeabile, come vetro, acciaio inossidabile o legno laminato, con materiale poroso, come un panno, per ridurre il rischio di infezione al tatto», conclude Chatterjee.

Ultimo aggiornamento: 17:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA