Eleonora Daniele: dal padel alla lombalgia, io la combatto con cinque minuti di esercizi al giorno

Giovedì 8 Aprile 2021 di Eleonora Daniele
Eleonora Daniele

Negli ultimi anni, complici amici sportivi e il desiderio di tenermi in forma, mi sono avvicinata al padel, un gioco dinamico e divertente, competitivo quanto basta, da praticare all’aria aperta. È stata proprio una bella scoperta, tanto da appassionarmene e dedicargli prima della gravidanza gran parte del tempo libero che avevo a disposizione. Poi, come tante passioni, che dopo l’iniziale fase di innamoramento rivelano subdole il rovescio della medaglia, lo scotto da pagare in cambio dell’appagamento: ecco arrivare il “doloretto”. Ormai lo riconosco subito: inizia delicato, piano piano, e man mano si rafforza, mirando sempre allo stesso punto della zona lombare insinuandosi come un chiodo. Il mio rovescio della medaglia si chiama “lombalgia”, e lo so che non sono l’unica a soffrirne, e si presenta puntuale trascorsa qualche ora dal match.

Vitamina D, dall'assorbimento del fosforo alla compattezza delle osse. Ma non è una panacea. Vero o falso?

Medicina di genere, Flavia Franconi: donne più fragili dopo un intervento, anche per il lavoro in casa

Evidentemente la postura, le posizioni del padel, i cambi di movimento repentini e le torsioni, seppur facciano un gran bene alla mia anima, ormai lo so per certo, non fanno bene alla mia schiena. Ok, ne ho preso atto. Ma la passione per questo sport è troppo forte! Si impossessa di me, piano piano, nelle giornate di sole, la voglia di uscire dal lockdown casalingo, la racchetta è un richiamo e l’invito di un’amica a giocare poi acquista un sapore di sfida... allora corro e prenoto non solo il campo ma anche l’appuntamento col mio bravo osteopata. Tanto lo so che poi arriva il doloretto. Così a fine partita passo da lui che scioglie le tensioni e mi rimette in asse e paziente mi consiglia ogni volta di camminare a piedi il più possibile per contrastare la lombalgia, figlia della mia passione. Ma non c’è solo il camminare. Se il padel appaga la mia passione sportiva, il doloretto mi ha costretto ad un’altra sana abitudine: quando mia figlia Carlotta me lo concede anticipo al mattino la sveglia di 5 minuti e con un tappetino a terra allungo i muscoli della schiena eseguendo semplici esercizi di pilates. Così rafforzo, giorno dopo giorno, la regione addominale e lombare. Una delle cause principali del mal di schiena è proprio la mancanza di stretching in questa zona, ma rimediare è davvero semplice: bastano 5 minuti al giorno. Piccolo sforzo, grande risultato. E speriamo che il doloretto questa volta non mi acchiappi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 14:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA