Morte cardiaca improvvisa: per la prima volta in Italia in 5 grandi ospedali impiantati defibrillatori extravascolari di ultima generazione

In Emilia Romagna e Lombardia le prime procedure di Aurora EV-ICD, un dispositivo unico nel suo genere con l’elettrocatetere posizionato sotto lo sterno per prevenire i rischi di infezione e occlusione dei vasi

Morte cardiaca improvvisa: per la prima volta in Italia in 5 grandi ospedali, impiantati defibrillatori extravascolari di ultima generazione
Morte cardiaca improvvisa: per la prima volta in Italia in 5 grandi ospedali, impiantati defibrillatori extravascolari di ultima generazione
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Dicembre 2023, 11:44 - Ultimo aggiornamento: 21:22

Al via i primi impianti dell’innovativo defibrillatore extravascolare Aurora EV-ICD, all’IRCCS Policlinico di Sant’Orsola di Bologna e, in Lombardia, nell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, nell’IRCCS Policlinico San Donato, nell’ASST degli Spedali Civili di Brescia e presso il Centro Cardiologico Monzino. Il nuovo dispositivo, sviluppato da Medtronic, azienda leader di HealthCare Technology, segna un passo avanti nella tecnologia dei defibrillatori impiantabili.

Miocardite e pericardite: sintomi, cause e come si curano le infiammazioni legate al cuore

Il dispositivo

Aurora EV–ICD, infatti, è un dispositivo unico nel suo genere con un elettrocatetere posizionato sotto lo sterno, all'esterno del cuore e delle vene, in grado di prevenire la morte cardiaca improvvisa, principale causa di decesso per gli under 60, responsabile del 50% delle morti imputabili a malattie cardiovascolari.

In un unico sistema, Aurora EV–ICD, fornisce defibrillazione salvavita e terapia di stimolazione antitachicardica (ATP) tramite un solo dispositivo impiantabile simile per dimensioni, forma e durata, ai tradizionali ICD transvenosi. Aurora EV–ICD viene impiantato con un approccio mininvasivo ed il posizionamento all'esterno del cuore e delle vene è progettato per evitare complicanze a lungo termine che potrebbero essere associate agli elettrocateteri transvenosi, come l'occlusione dei vasi (restringimento, blocco o compressione di una vena), rischi di infezioni e rischi correlati ad una eventuale estrazione dell’elettrocatetere.

Le parole

«Abbiamo realizzato con successo oltre 20 interventi su pazienti a rischio di morte cardiaca improvvisa - dice il Dottor Mauro Biffi dell’IRCCS Policlinico di Sant'Orsola -. La caratteristica che rende Aurora EV-ICD unico ed innovativo è il fatto che il defibrillatore è impiantato sotto l’ascella e l’elettrodo viene posizionato direttamente sotto lo sterno vicino al cuore, preservando in questo modo il sistema venoso. Il nuovo dispositivo ha dunque il grosso vantaggio di evitare le possibili complicanze e l’invasività dei dispositivi transvenosi e, allo stesso tempo, riesce ad avere i benefici dei defibrillatori transvenosi, come la longevità di oltre 11 anni, piccole dimensioni, possibilità di stimolare il cuore e interrompere le aritmie potenzialmente letali anche senza erogare shock ad alta energia».

L'arresto cardiaco

Nel mondo molte più persone muoiono per arresto cardiaco che per cancro del colon, della prostata, oppure polmonite, e l’unica cura efficace è la defibrillazione. Il 92% dei pazienti colpiti da arresto cardiaco muore entro pochi minuti se non viene salvato da un defibrillatore. Il ruolo dei defibrillatori impiantabili è quello di prevenire la morte cardiaca improvvisa. Aurora EV-ICD è stato realizzato da Medtronic dopo oltre 10 anni di ricerche. Si tratta dell’azienda che, negli anni Cinquanta, ha inventato la tecnologia del pacemaker cardiaco, e che ora è divenuta leader mondiale nell’orizzonte della tecnologia Healthcare. «Aurora EV-ICD segna un importante passo avanti nell’ambito dei dispositivi cardiaci impiantabili e del trattamento della morte cardiaca improvvisa, - dice Andrea Capano, Business Director di Medtronic Italia - a conferma del posizionamento di Medtronic come leader globale nell’HealthCare Technology, in linea con la nostra Missione di ridare la salute e prolungare la vita di 2 persone ogni secondo in tutto il mondo. Una nuova tappa del nostro viaggio verso lo straordinario».

© RIPRODUZIONE RISERVATA