Mette la crema solare sul viso (ma non sul collo) per 4 decenni: ecco gli effetti sulla pelle di una donna di 92 anni

Una ricerca tedesca sull'invecchiamento ha stabilito il bisogno di sensibilizzare ulteriormente le persone circa l'uso della crema solare per prevenire i tumori della pelle

Mette la crema solare sul viso (ma non sul collo) per 40 anni: ecco gli effetti sulla pelle di una donna anziana
Mette la crema solare sul viso (ma non sul collo) per 40 anni: ecco gli effetti sulla pelle di una donna anziana
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 18:01

Aumento di rughe e comparsa di macchie sulla pelle per una donna di 92 anni che ha scelto di non applicare la crema solare sul collo per 40 anni. La foto dell'anziana è stata pubblicata per la prima volta dal giornale dell'Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia al termine di uno studio sull'invecchiamento condotto dall'Università tecnica di MonacoLa 92enne, di cui non è stato reso il nome, non ha invece riscontrato alcun danno sulle zone del viso, dove la crema è stata sempre applicata correttamente.

Jessica Foscarin, morta a 31 anni per un melanoma. «Quella dannata bestia ha preso il sopravvento»

Usare la crema solare serve: lo studio su una donna di 92 anni

Gli esperti dell'istituto tedesco, hanno affermato come le immagini mostrino la «sorprendente differenza nel danno solare» tra le parti del corpo protette dal sole e quelle invece sprovviste di protezione. Il servizio sanitario nazionale tedesco, dopo i risultati della ricerca, ha lanciato l'allarme sul fatto che non si faccia abbastanza campagna di prevenzione circa l'uso della crema solare, vitale per ridurre i tumori della pelle. Secondo l'Istituto Superiore di Sanità, solo in Italia il tumore della pelle è causa di circa 7000mila morti l'anno

il dermatologo che ha gestito il team di ricerca di Monaco, Dr Chritsian Posch, ha affermato che l'immagine della donna di 92 anni, mostra come «prevenire gli effetti negativi delle radiazioni UV è estremamente vitale». Ha detto: «L'esame clinico ha rivelato una notevole differenza del danno solare tra la guancia e il collo». Naturalmente l'invecchiamento della pelle causato dal trascorrere degli anni è naturale, ma quello causato dai raggi UV, definito "fotoinvecchiamento", oltre ai tumori della pelle può causare anche diversi danni cronici.

«Circa il 90% di tutti i cambiamenti visibili della pelle sono causati dal fotoinvecchiamento» afferma la Skin Cancer Foundation, che ricorda «i raggi UV possono penetrare nei primi due strati della pelle, l'epidermide e il derma, e danneggiare il DNA delle cellule. Il danno nello strato superiore dell'epidermide fa sì che il corpo produca melanina, come parte del suo tentativo di impedire al sole di continuare il suo assalto. Questo di solito si traduce nell'abbronzatura del corpo, poiché la sostanza produce un pigmento più scuro nella pelle. Ma l'esposizione troppo lunga ai raggi UVA porta nel tempo a danni nello strato medio del derma, il che causa una penetrazione più profonda portando la pelle a diventare gradualmente più lassa e rugosa».

Tumore alla pelle, «mangiare pesce due volte a settimana aumenta il rischio». Lo studio Usa

© RIPRODUZIONE RISERVATA