Positivo al Covid da 471 giorni: è il secondo caso d'infezione più lungo dall'inizio nella pandemia

Il record di positività consecutiva è di 505 giorni

Covid, positivo da 471 giorni: il secondo caso d'infezione più lungo dall'inizio nella pandemia
Covid, positivo da 471 giorni: il secondo caso d'infezione più lungo dall'inizio nella pandemia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 13:06 - Ultimo aggiornamento: 14:19

Un uomo di circa 60 anni, affetto da un tumore linfatico e in cura al Yale New Haven Hospital, in Connecticut, negli Usa, è positivo al Covid da 471 giorni. Stando ai dati raccolti fino a oggi, sarebbe l'infezione più lunga mai documentata dall'inizio della pandemia, dopo un caso di 505 giorni registrato nel Regno Unito ad aprile in un paziente immunodepresso poi deceduto.

Wuhan, il mercato degli animali vivi chiuso dopo lo scoppio della pandemia Covid è stato riaperto? Gli ultimi studi sull'origine del virus

Covid: il secondo caso più lungo negli Stati Uniti

Secondo gli studi condotti dalla Yale University e illustrati su medRxiv (piattaforma online che mette a disposizione le ricerche prima che vengano sottoposte a revisione da parte della comunità scientifica) il paziente, aveva ricevuto diversi trattamenti, a causa del tumore, a partire dal 2019, finché a novembre 2020, ricoverato per altre analisi, è risultato positivo al Covid. A infettare l'uomo, il ceppo B.1.517 del virus, cioé la prima forma diffusa nella prima fase della pandemia, oggi praticamente estinto. «Salvo l'iniziale presentazione di sintomi a carico delle vie aeree superiori che non hanno richiesto ossigenazione né ricovero, il paziente è rimasto asintomatico per tutta la durata dell'infezione», riportano i ricercatori.

I test effettuati sul paziente nel corso dell'infezione hanno mostrato che il virus si è evoluto in tre distinti genotipi, accumulando mutazioni a una velocità più alta di quanto si osserva in genere in natura, i ricercatori aggiungono: «Il nostro studio fornisce prove che le infezioni croniche da SarsCoV2 possono essere la fonte da cui emergono varianti geneticamente diverse capaci di causare futuri focolai di Covid-19». Quello descritto dai ricercatori americani non è il primo caso di infezione cronica da SarsCov2, altri casi erano già stati riportati e tutti associati a malattie croniche già presenti nei pazienti, il cui sistema immunitario, già indebolito, era incapace di liberarsi del virus.

Omicron, in America via libera ai vaccini aggiornati di Pfizer e Moderna. Oms: «Prepararsi all'inverno»

© RIPRODUZIONE RISERVATA