Pfizer o AstraZeneca più efficaci contro la variante Delta? Risultati diversi dopo prima e seconda dose

Lunedì 19 Luglio 2021 di Mario Landi
Pfizer o AstraZeneca più efficaci contro la variante Delta? Risultati diversi dopo prima e seconda dose

Diversi sono gli studi sull'efficacia dei vaccini a disposizione rispetto alla variante Delta. Dalla Gran Bretagna alla Scozia, passando per Canada e Israele, i dati non sono sempre gli stessi. Anche se simili. Il confronto principale è tra farmaci anti-Covid a Rna messaggero e quelli a vettore virale: ovvero Pfizer e AstraZeneca. Che sono, tra l'altro, fra i più utilizzati. La percentuale di protezione dal nuovo ceppo del coronavirus varia in base alla prima e seconda dose. Ma non solo. Gli studi finora condotti hanno evidenziato effetti diversi sull'ospedalizzazione e sul prevenire il contagio.
 

Variante Delta, nuovo picco di contagi in Francia: 12.532 casi in un giorno, record da metà maggio

Variante Delta, confronto efficacia vaccini

Nell'analisi condotta dalla Public Health England a giugno su 14.019 casi di variante Delta nel Regno Unito è stato rilevato che i vaccini BioNTech/Pfizer e Oxford/AstraZeneca erano, rispettivamente, del 96% e del 92% efficaci contro il ricovero dopo due dosi. La casa farmaceutica Pfizer ha sottolineato che la doppia iniezione protegge dalla Delta, anche se potrebbe essere necessaria una terza dose contro la variante. E per questo sta avviando le ricerche per trovare un farmaco specifico contro la variante. I test inizieranno già dal mese prossimo.

Pfizer, in Israele 152 morti da Covid dopo la seconda dose: «Meno efficace contro Delta»

 

 

Efficacia una dose Pfizer contro l'ospedalizzazione

Una dose di Pfizer protegge contro l'ospedalizzazione dalla variante Delta al 78%, secondo gli studi effettuati in Canada, e al 94% in base a quanto indicato dalle ricerche in Gran Bretagna.

Effetti collaterali Pfizer: febbre, dolori muscolari e differenze tra prima e seconda dose. Cosa c’è da sapere

 

Efficacia due dosi Pfizer contro l'ospedalizzazione

Due dosi di Pfizer proteggono dalla variante Delta contro l'ospedalizzazione al 96%, secondo gli studi in Gran Bretagna, e al 93% sulla base dei dati israeliani.

Pfizer protegge tre volte di più dal Covid se la seconda dose del vaccino viene somministrata dopo 12 settimane

 

Efficacia una dose Pfizer contro i sintomi da Covid

Una dose di Pfizer protegge dai sintomi della variante Delta al 56%, secondo gli studi effettuati in Canada, e al 33% in base a quanto indicato dalle ricerche in Gran Bretagna e Scozia.

AstraZeneca, contrae il Covid pochi giorni dopo la seconda dose: Paolo muore a 72 anni

 

Efficacia due dosi Pfizer contro i sintomi da Covid

Due dosi di Pfizer proteggono dai sintomi della variante Delta all'87% secondo le ricerche in Canada, all'88% in base a quelle inglesi, al 64% secondo i dati israeliani e all'83% per gli studi scozzesi.

Vaccino, dolore al braccio: perché viene e quali sono i rimedi

 

Efficacia una dose Astrazeneca contro l'ospedalizzazione

Una dose di Astrazeneca protegge dall'ospedalizzazione contro la variante Delta all'88%, secondo gli studi effettuati in Canada, e al 71% in base a quanto indicato dalle ricerche in Gran Bretagna.

Cosa deve fare chi si contagia dopo il vaccino? Tutte le regole nel Lazio

 

Efficacia due dosi Astrazeneca contro l'ospedalizzazione

Due dosi di Astrazeneca proteggono dall'ospedalizzazione contro la variante Delta al 92%, secondo gli studi effettuati in Gran Bretagna.

Johnson e Johnson, casi di sindrome Guillain-Barre: l'Ema studia gli effetti collaterali

 

Efficacia una dose Astrazeneca contro i sintomi da Covid

Una dose di Astrazeneca protegge dai sintomi della variante Delta al 67%, secondo gli studi effettuati in Canada, al 33% in base a quanto indicato dalle ricerche in Gran Bretagna e Scozia.

Effetti collaterali Pfizer, cos'è la miocardite e quando si può verificare: quali sintomi controllare

 

Efficacia due dosi Astrazeneca contro i sintomi da Covid

Due dosi di Astrazeneca proteggono dai sintomi della variante Delta all'60% secondo le ricerche in Gran Bretagna, al 61% in base a quelle scozzesi.

Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 00:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA