Trombosi, rischio più alto in caso di infezione Covid che con vaccini AstraZeneca e Pfizer

Lunedì 30 Agosto 2021
Trombosi, rischio più alto in caso di infezione Covid che con vaccini AstraZeneca e Pfizer

Il rischio di sviluppare rare trombosi è significativamente più alto in caso di infezione da Covid-19, piuttosto che con la somministrazione di un vaccino AstraZeneca o Pfizer. A dimostrarlo è uno studio dell'università di Oxford realizzato sui dati delle cartelle cliniche di 29 milioni di persone.

Coaguli, «Rischio più alto in caso di infezione da Covid»

I pazienti positivi al Covid-19 corrono un rischio molto più elevato di sviluppare coaguli di sangue rispetto a coloro che ricevono i vaccini AstraZeneca o Pfizer. Lo studio pubblicato sul British Medical Journal ha coinvolto 29 milioni di persone che hanno ricevuto le prime dosi di vaccino tra dicembre 2020 e aprile e ha anche monitorato circa 1,7 milioni di pazienti Covid-19.

Oltre alla trombocitopenia (una condizione caratterizzata da un basso numero di piastrine) e ai coaguli di sangue, i ricercatori hanno anche esaminato alcuni altri rischi, tra cui CVST (sanguinamento coaguli nel cervello) e ictus ischemico (un coagulo di sangue o un blocco che interrompe l'afflusso di sangue al cervello). Nel complesso, hanno riscontrato un aumento del rischio di trombocitopenia, coaguli di sangue nelle vene e altri rari coaguli di sangue arterioso dopo una prima dose del vaccino. Tuttavia, secondo l'analisi, per ogni 10 milioni di persone che ricevono la prima dose di AstraZeneca, circa 66 in più soffriranno di una sindrome da coagulazione del sangue rispetto a circostanze normali. Questa cifra si confronta con 12.614 incidenze in più registrate in 10 milioni di persone che sono risultate positive al Covid-19. Infatti si possono sviluppare queste condizioni anche senza infezione o vaccinazione. Queste conclusioni dimostrano come i benefici della vaccinazione siano di gran lunga maggiori dei suoi potenziali (e rari) rischi.

 

 

No-vax, minacce a Bassetti: «Mi guardo le spalle, il mio numero è finito nelle chat di Telegram»

Sebbene lo studio abbia rilevato l'aumento della probabilità di sviluppare coaguli del sangue, «sottolinea anche l'importanza di vaccinarsi per ridurre il rischio di questi esiti di coagulazione e sanguinamento negli individui» causati da una potenziale infezione, ha affermato Aziz Sheikh, professore all'Università. di Edimburgo tra gli autori dello studio. 

I ricercatori hanno osservato che le persone che avevano contratto il virus avevano quasi nove volte più probabilità di avere bassi livelli di piastrine rispetto alle persone vaccinate con la prima dose. Lo studio ha rilevato inoltre una maggiore possibilità di ictus in caso di infezione rispetto a una prima dose di Pfizer.

 

 

Trombosi e vaccino, nessun aumento del rischio con seconda dose

Lo studio tuttavia non è stato in grado di individuare un preciso nesso causale tra i casi identificati di coaguli di sangue e i vaccini. I dati pubblicati a luglio hanno mostrato il rischio di coaguli con il vaccino di AstraZeneca non aumenta per la seconda dose.

L'autrice principale Julia Hippisley-Cox, professore di epidemiologia clinica e medicina generale presso l' Università di Oxford , ha dichiarato al Guardian: «Le persone dovrebbero essere consapevoli di questi maggiori rischi dopo la vaccinazione contro il Covid-19 e cercare assistenza medica prontamente se sviluppano sintomi, ma anche essere consapevoli che i rischi sono considerevolmente più alti e per periodi di tempo più lunghi se vengono infettati da Sars Cov-2».

 

 

No-vax, minacce a Bassetti: «Mi guardo le spalle, il mio numero è finito nelle chat di Telegram»

Ultimo aggiornamento: 13:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA