Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, l'allarme di Pregliasco: «Ondata estiva con 100mila casi al giorno»

Preoccupa la diffusione delle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5

Omicron, l'allarme di Pregliasco: «Temo ondata estiva con 100mila casi al giorno»
Omicron, l'allarme di Pregliasco: «Temo ondata estiva con 100mila casi al giorno»
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Giugno 2022, 15:11 - Ultimo aggiornamento: 15:13

Continuano a crescre i casi Omicron«Temo che a questo punto anche in Italia ci sarà un'altra onda estiva con circa 100mila infezioni al giorno rilevate» dai bollettini quotidiani, oltre la quota sommersa che come già accade sfugge ai conteggi. Questa la previsione del virologo Fabrizio Pregliasco, docente all'università Statale di Milano, alla luce della diffusione delle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5 che hanno prodotto un boom di positivi in Portogallo e Germania.

Omicron, ecco il nuovo test che misura l'immunità al virus e l'efficacia del vaccino in meno di 24 ore

Il monito dell'Ecdc

Il ministro della Salute tedesco ha parlato senza mezzi termini di «un'ondata estiva» in corso, sostenuta dalle nuove Omicron ancora più trasmissibili rispetto alla 2 ad oggi dominante. All'indomani del monito dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che ha prospettato a causa di Omicron 4 e 5 un rialzo dei casi nelle prossime settimane, Pregliasco esprime dunque «timori» anche per il nostro Paese. «Serviranno raccomandazioni stringenti», avverte il direttore sanitario dell'Irccs Galezzi, per far fronte a un picco anticipato rispetto a quello inizialmente atteso in autunno.

 

Sale la fiducia nei vaccini

Dopo la pandemia di Covid-19, è salita la fiducia degli italiani verso i vaccini: per 9 su 10 sono strumenti sicuri ed efficaci per contrastare le malattie infettive, per il 33% il livello di fiducia durante la pandemia è aumentato, soprattutto negli uomini, nelle Regioni del Sud e tra la generazione Z. È quanto emerge dall'indagine sul livello di fiducia degli italiani nei confronti delle vaccinazioni, realizzata da The Europeam House -Ambrosetti e dal Centro Interdipartimentale per l'Etica e l'Integrità nella Ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), in collaborazione con SWG, presentata oggi a Roma nel corso di un evento realizzato con il contributo non condizionante di Pfizer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA