Covid in Italia, il virus cresce: 52mila nuovi contagi in una settimana, salgono anche i ricoveri negli ospedali

Aumento dei casi del 16%, la situazione secondo la Cabina di regia ministero della Salute-Istituto superiore di sanità

Covid in Italia, il virus cresce: 52mila nuovi contagi in una settimana, salgono anche i ricoveri negli ospedali
Covid in Italia, il virus cresce: 52mila nuovi contagi in una settimana, salgono anche i ricoveri negli ospedali
di Marta Giusti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Dicembre 2023, 10:42 - Ultimo aggiornamento: 16:13

Sono in aumento i casi Covid in Italia. Nella settimana dal 23 al 29 novembre si registrano 52.175 nuovi contagi, rispetto ai 44.955 della settimana precedente (+16% circa). È quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Cabina di regia ministero della Salute-Istituto superiore di sanità.

Covid in Italia, la situazione

 

Cresce il numero di pazienti Covid ricoverati negli ospedali d'Italia. Al 29 novembre l'occupazione dei posti letto in area medica cresce al 9,2% (5.741 ricoverati), rispetto alla settimana precedente quando era al 7,7% (4.811 ricoverati). L'occupazione delle terapie intensive sale all'1,9% (170 ricoverati), dall'1,5% (137 ricoverati).  L'incidenza dei casi Covid diagnosticati e segnalati in Italia nel periodo 23-29 novembre è pari a 89 casi per 100mila abitanti, in aumento rispetto alla settimana precedente quando era a quota 76 su 100mila.

Casi Covid in aumento, gli esperti: «Più ceppi in circolazione. Variante Eris al 52%, cresce anche Pirola»

Covid, l'appello di Andreoni sulla variante Eris: «Con 25 morti al giorno è necessario vaccinarsi. I dati sono preoccupanti»

Il tasso di positività a Covid-19 registra un aumento nella settimana dal 23 al 29 novembre, salendo al 18,8%, con una variazione di +1,2 punti percentuali rispetto alla settimana precedente, quando era a quota 17,6%. «I dati confermano sostanzialmente l'andamento previsto rispetto alla stagionalità.

Rinnoviamo l'appello alle Regioni ad intensificare gli sforzi organizzativi e a predisporre Open day nei quali offrire libero accesso senza prenotazione per le vaccinazioni». Lo afferma il direttore generale Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Francesco Vaia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA