Roma, ristoranti all'aperto e tavoli nei posti delle auto: ora si mangia fuori ma non si parcheggia più

Venerdì 30 Aprile 2021 di Veronica Cursi
Roma, ristoranti all'aperto e tavoli nei posti delle auto: ora si mangia fuori ma non si parcheggia più

Sono spuntati un po' ovunque. Sui marciapiedi, in mezzo alla strada, nei posti auto. Tavolini pronti all'occorrenza, pedane di legno, gazebi improvvisati: tutto pur di poter mangiare fuori. Perché se bar e ristoranti possono riaprire solo all'aperto, come prevede il nuovo decreto, tanti ristoratori a Roma si sono dovuti organizzare come potevano, convertendo parcheggi in dehor, posizionando sedie e ombrelloni dove prima si mettevano le auto. Con risultati, spesso, stravaganti. A Ponte Milvio, ad esempio, tempio della movida romanordista, tra sushi, piadinerie, osterie e bar di ogni tipo, i tavoli parcheggiati sulle strisce rubano posti auto già molto rari. Risultato? Traffico impazzito e macchine in tripla fila. E così in Prati dove vere e proprie isole mangerecce sono spuntate in mezzo alla strada.

 

Coprifuoco a Roma, dopo le 22 «un quarto d'ora in più». Così la Capitale riapre a metà

Coprifuoco alle 23, l’infettivologo Roberto Cauda: «Primo maggio cruciale per decidere»

Tutto autorizzato, per carità. Del resto questo stabilisce il Governo nell'ottica di un rilancio economico delle attività di somministrazione in piena pandemia da Covid-19. 

Le regole

La circolare esplicativa emanata dal Viminale infatti segnala che è consentito il servizio ai tavoli all’aperto solo «in presenza di strutture che consentano la consumazione all'aperto», tra cui sono previsti anche marciapiedi o parcheggi. Il decreto sostegni afferma che le domande di nuova concessione e i requisiti autorizzativi agevolati per “la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico (…) di strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni” sono entrambi prorogati fino “al 31 dicembre 2021”. E che le imprese di pubblico esercizio (…) titolari di concessioni o di autorizzazioni“ sono esonerate dal pagamento del canone fino al 30 giugno 2021.

Ma la domanda è: invece di creare queste giungle di dehors piazzati ovunque, non era meglio permettere di riaprire anche ai ristoranti con spazi all'interno, magari con un distanziamento maggiore? Perché se ora possiamo berci uno spritz in santa pace (ed era ora) c'è il rischio che non riusciamo ad arrivare in tempo all'happy hour che poi c'è il coprifuoco e noi magari stiamo ancora cercando parcheggio. 
veronica.cursi@ilmessaggero.it

 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Maggio, 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA