Vespa orientalis, a Roma fioccano le chiamate: 400 segnalazioni al giorno dai cittadini

Il racconto di Lella Golfo, presidente Fondazione Bellisario: "Sono stata punta, ho chiamato inutilmente il numero del Comune"

Vespa orientalis, a Roma fioccano le chiamate: 400 segnalazioni al giorno dai cittadini
Vespa orientalis, a Roma fioccano le chiamate: 400 segnalazioni al giorno dai cittadini
di Laura Bogliolo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 08:24 - Ultimo aggiornamento: 14:10

Quasi 400 segnalazioni al giorno soltanto al numero verde del Comune. Arrivano soprattutto dal Centro le richieste di intervento. Ma si registrano anche sempre più corse al pronto soccorso per le punture. L'emergenza vespa orientalis continua a tenere sotto scacco la Capitale, mentre molti residenti si sentono abbandonati, vittime di sciami o di veri e propri attacchi. Anche perché chiamare il numero verde della Protezione civile capitolina (800 854 854) è praticamente inutile se il nido viene avvistato nell'atrio di un condomínio o addirittura dentro un appartamento.

Lo ha, tra l'altro, ammesso proprio la Protezione civile di Roma Capitale spiegando che «la Protezione civile e il Dipartimento ambiente hanno competenze esclusivamente su aree pubbliche». Tradotto: se le micidiali super-vespe (così le chiamano gli esperti vista la loro pericolosità) dovessero comparire in casa, dovete risolvere il problema da soli.

Vespa orientalis, è allarme in Prati. «Siamo dovute scappare dal bar»

Vespa orientalis, è allarme a Roma. «Rischiamo l'invasione, potrebbero aver nidificato nelle scuole»


Intanto le segnalazioni sulla loro presenza si moltiplicano. «Sono state avvistate anche nel nostro quartiere, fate attenzione» il grido di allarme sul gruppo social di Castro Pretorio. Giorni fa l'allarme è scattato nel quartiere Prati dove alcune ragazze sono state assalite dagli insetti mentre erano sedute ai tavoli di un bar. E continuano a essere le zone centralissime le più colpite: molti casi si sono registrati soprattutto nel I e nel II Municipio.
LA TESTIMONIANZA
Vittima degli sciami è stata anche Lella Golfo, giornalista, presidente della Fondazione Marisa Bellisario che ha vissuto ore di terrore nel suo appartamento al quinto piano di una palazzina a pochi passi da via del Corso. «Giovedì sono rientrata dalle vacanze - spiega - poco dopo aver fatto qualche passo in casa sono stata praticamente assalita da uno sciame, ho provato a mettermi in salvo ma sono stata punta, ho chiamato il numero verde del Comune, ma inutilmente, poi i pompieri che sono stati gentilissimi, alla fine sono dovuta andare al pronto soccorso per quella puntura che mi ha provocato un dolore atroce. Una ditta privata ora sta disinfestando la mia casa, non posso ancora rientrare e molte altre persone che conosco sono nelle mie condizioni. Il Comune deve intervenire urgentemente perché la situazione ormai è grave».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA