Roma, Gualtieri: «La prima cosa è ripulire la città, ma è solo l'inizio»

Il neosindaco: «Abbiamo vinto dappertutto, in centro come in periferia. Ci sono quartieri dove bisognerà lavorare tantissimo»

Martedì 19 Ottobre 2021
Roma, Gualtieri: «La prima cosa è ripulire la città, ma è solo l'inizio»

Roberto Gualtieri, neosindaco di Roma, fa la lista delle priorità. «La prima cosa è ripulire la città, ma Roma non si può permettere di fare una cosa alla volta, bisogna lavorare in parallelo, affrontare emergenze e dispiegare un'azione ambiziosa su tutti gli ambiti, dal sociale, al lavoro all'ambiente - ha spiegato a 'Oggi è un altro giornò su Rai 1- C'è il giubileo, ci sono le risorse europee che sono un'occasione unica, bisogna partire con speditezza».

Gualtieri, da Falcao un messaggio (vocale) di auguri al nuovo sindaco di Roma

Gualtieri, boom di voti in Centro. L'affluenza crolla ancora. Giunta: ecco i primi nomi

«Noi abbiamo vinto dappertutto, in centro come in periferia. Ma questo è un punto di partenza non di arrivo. Ci sono quartieri dove bisognerà lavorare tantissimo». Secondo Gualtieri, comunque, servirà contrastare il fenomeno dell'astensionismo con «il buon governo» e con «il recupero uno spirito di comunità per questa città».

 
Video

«Sono contento che al secondo turno abbiamo avuto molti voti in più, c'è stata una capacità di allargamento. Un segnale che è possibile una proposta di governo seria, credibile ed espansiva, una grande alleanza democratica, progressista e europeista».

«Un'alleanza da Conte a Calenda? Non voglio entrare nel dibattito nazionale - risponde Gualtieri - però la strategia che il Pd di Enrico Letta sta seguendo è molto giusta: un grande fronte largo e inclusivo».

Ultimo aggiornamento: 18:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA