Vaccini Roma, open day in quattro centri nella Capitale: il via sabato e domenica

Domenica 9 Maggio 2021 di Lorenzo De Cicco
Vaccini Roma, open day in quattro centri nella Capitale: il via sabato e domenica

Open day nei maxi-centri di vaccinazione, da Termini a Fiumicino, alla Nuvola, con le siringhe “caricate” anche di notte e un’app per prenotarsi all’ultimo ed evitare assembramenti. Dopo il successo delle iniezioni senza appuntamento a Rieti, la Regione è pronta a replicare il modello a Roma. L’idea è stata discussa durante una call, sabato sera, con i direttori generali delle Asl del Lazio. Se si farà in tempo con l’organizzazione, i primi due giorni di vaccinazioni libere saranno programmati per sabato e domenica prossimi, il 15 e 16 maggio (come già previsto peraltro all’hub della caserma Verdirosi, nella Sabina). Durante i vertici con le aziende sanitarie, l’operazione è già entrata nel vivo: si parla di punture nella fascia serale, dalle 18 alle 24 o alle 22. Alcuni hub che oggi lavorano con Pfizer, come la Nuvola dell’Eur, sarebbero riconvertiti per l’occasione ad AstraZeneca. Altri, come l’outlet di Valmontone, rimarrebbero con il mono-dose Johnson & Johnson.

Pfizer, vaccini nel Lazio esauriti a maggio. Oltre 2 milioni di dosi già somministrate

LE SCORTE
Se la Pisana pensa di ricorrere alla formula degli “open day” è perché quasi 100mila dosi dei due vaccini a vettore virale, AZ e J&J, non sono state prenotate da nessuno. La maggior parte dei 55-54enni per cui si sono appena aperte le liste, hanno preferito Pfizer e Moderna, così come avvenuto per le fasce d’età più alte. Risultato: Pfizer per tutto maggio è esaurito, in attesa dell’arrivo di nuove scorte, mentre di AstraZeneca e Johnson & Johnson ci sono fiale in abbondanza. Va trovato un modo per non sprecarle. Gli open day, probabilmente. Per le sessioni speciali di vaccinazione, in Regione circola l’idea di aprire i centri a tutti, anche ai 30enni e ai 40enni, per sfruttare al massimo le forniture stipate nei maxi-frigoriferi. È di questo avviso Francesco Vaia, il direttore sanitario dell’istituto Lazzaro Spallanzani. «Arrivati a questo punto, con gli anziani vaccinati e in sicurezza, è ridicolo fare distinzioni tra un 50enne e un 40enne». Secondo Vaia, «negli open day bisogna dare le dosi a tutti, senza più fossilizzarsi sulle fasce di età».

Roma, variante sudafricana: positiva ragazza di 25 anni in zona Portuense. «Non avevo viaggiato»

VACCINI AL PORTO
Superato maggio, la Pisana sta cercando di capire come allargare ulteriormente la rete delle vaccinazioni, cercando di convincere i più giovani a proteggersi col siero anti-virus. L’idea è quella di aprire nuovi hub, anche di piccole dimensioni, nelle spiagge e nelle palestre. Un nuovo maxi-centro dovrebbe nascere al porto di Civitavecchia, strategico per le partenze e gli arrivi in vista delle vacanze.
L’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, ieri ha visitato l’hub di Rieti per controllare da vicino quella che potrebbe diventare la prova generale degli open day nella regione. «Un grande successo di adesione - ha commentato - Ringrazio tutti gli operatori sanitari». Su AstraZeneca e Johnson, D’Amato ha sottolineato che «tutti i vaccini sono sicuri ed efficaci. È importante prenotare i primi slot disponibili».
 

Ultimo aggiornamento: 11 Maggio, 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento