Certificato vaccinale, chi può richiederlo e come scaricarlo dal sito Salute Lazio

Domenica 18 Aprile 2021
Certificato vaccinale: chi può richiederlo e come scaricarlo dal sito Salute Lazio

Il Lazio è la prima regione in Italia a rilasciare il certificato vaccinale. Si tratta di un attestato in cui viene indicato che al paziente sono state somministrate due dosi di vaccino. Nel documento, che può essere stampato (ma anche tenuto sul proprio cellulare) è presente un QR code. Questo sarà scansionato di volta in volta dalle autorità per verificare che sia autentico. Tra le funzioni del certificato c'è quella di permettere a chi ne ha uno di spostarsi liberamente tra regioni che si trovano in fasce di rischio differenti. Non prima, però, del prossimo 26 aprile. Ma potrebbero esserci presto altre novità. Potrebbe anche essere utilizzato per accedere agli stadi, nei teatri, cinema, discoteca, palestre e tanto altro. Vediamo chi lo può ottenere e come. 

Vaccini Lazio, tutti i centri in cui si somministra Pfizer: giorni, orari, numeri e come prenotare

 

 

Chi può ottenere il certificato vaccinale

Lo può scaricare chi ha completato il ciclo vaccinale: ovvero tutti coloro che hanno ricevuto la prima e la seconda dose di Astrazeneca, Pfizer o Moderna. Al momento ne sono stati caricati sul sito circa 500mila: ed è per questo motivo che nei giorni scorsi il sito di Salute Lazio è apparso, in alcuni momenti della giornata, in manutenzione. Se nel proprio Fascicolo Sanitario Elettronico non appare ancora il certificato è perché deve essere ancora caricato. Una procedura per cui è necessaria la scansione a mano da parte di un operatore.

Come effettuare il download

Il primo passaggio è quello di accedere al sito di Salute Lazio. In particolare occorre andare al link relativo al Fascicolo Sanitario Elettronico. Cos'è? È uno spazio virtuale che raccoglie la storia clinica di ogni cittadino. Qui si possono consultare le informazioni e i documenti (es. referti, lettere di dimissioni, verbali di pronto soccorso, prescrizioni, ma anche il certificato vaccinale) prodotti dal Sistema Sanitario Nazionale da medici e operatori sanitari anche di strutture diverse (ASL, Aziende Ospedaliere, medici di famiglia e pediatri, ecc.) e da strutture sanitarie private. 

Documenti necessari

Una volta cliccato su «accedi al fasciolo» apparirà una nuova schermata. Per procedere oltre sarà necessario inserire alternativamente: la propria utenza della Regione Lazio (nel caso se ne abbia una), lo SPID, la tessera sanitaria (dotata di chip) oppure la carta d'identità elettronica. Si può utilizzare uno di questi metodi, così è stata ulteriormente facilitata la possibilità di accedere.

Il fascicolo sanitario elettronico

A questo punto si entra nel proprio Fascicolo Sanitario Elettronico. Qui si troverà il proprio certificato nel caso si sia completato il ciclo vaccinale. Mentre tutti coloro che non hanno ricevuto ancora un'iniezione non troveranno nulla. 

 

L'app Salute Lazio

È possibile ottenere il certificato vaccinale anche attraverso l'utilizzo dell'app Salute Lazio. Basterà andare sempre nella sezione relativa al fascicolo sanitario elettronico e procedere con il download. L'opportunità di averlo nel cellulare permette di averlo sempre con sé e poterlo mostrare quando richiesto.

 

Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 12:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA