L'elezione del Presidente, Dino Latini: «Salvini, la carta Cassese. Proposta che spariglia»

Giovedì 27 Gennaio 2022 di Dino Latini
Dino Latini

Le maglie si stringono le riunioni sono più serrate, gli spazi di manovra più brevi. La corsa al Colle diventa sincopatica da parte dei grandi elettori. Ogni mossa può essere decisiva, nessuno vuole fare il salto mortale senza rete. I voti a Crosetto sono la bandiera che FdI ha anticipato essere il loro margine per mantenere salda la coalizione del centrodestra. Mattarella è il collante giallorosso. Oggi ci sarà un passaggio decisivo perché il centrodestra indicherà un nome per tentare di andare oltre le 505 preferenze. A che prezzo? Il governo Draghi salterà?

 

Un rischio che diventa necessario correre per non rimanere nella palude è vedersi impallinati tutti i candidati proposti. Dal centrosinistra esiste il tentativo di fermare lo scontro frontale minacciando la rottura su tutto, solo con il fine di avere ancora uno spazio di manovra per un nome condiviso. Che si immagina essere pochi: Casini, Amato, Draghi. Quest’ultimo un po’ in calo dopo il giro di consultazioni con i segretari di partito e la paura di tutti che a vincere sia la tecnocrazia e non la politica. Nel transatlantico passa Bossi, un pezzo di storia della seconda Repubblica, poi arriva Sileri che nelle Marche è venuto recentemente più volte per l’ospedale di Torrette. Lucentini che si batte per l’approvazione del vaccino Sputnik indispensabile alla grandissima fetta di aziende marchigiane che ha rapporti commerciali con l’est dell’Europa. Arrivano anche i consiglieri regionali Putzu e Assenti che si muovono come se fossero di casa in Parlamento. Poco distante Tabacci alfiere del draghismo ha un capannello di grandi firme giornalistiche in tempi a sapere i pensieri del Premier, il prof. Quagliarello si ferma a discutere di un centro che si deve costruire. L’esito nel voto finisce nel primo pomeriggio con i pochi parlamentari rimasti a aspettare il risultato, ma la ruota è di nuovo in movimento. Nel tardo pomeriggio a sorpresa le comunicazioni più importanti che mettono in subbuglio tutti i grandi elettori riassunti a Montecitorio: la carta nascosta potrebbe essere il professor Sabino Cassese che Salvini potrebbe presentare in una riunione segreta notturna a Letta e Conte, così da essere nella terna con Draghi e Casini. Ore piccole per i leader, ore di attesa per tutti gli altri.

*presidente consiglio regionale Marche
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA