L'elezione del Presidente, Dino Latini: «L’operazione scoiattolo per il candidato coperto»

Mercoledì 26 Gennaio 2022 di Dino Latini
Dino Latini

Il giorno dopo la prima votazione la sensazione generale è come aver perso una battuta. Un primo tempo in cui si poteva segnare e chiudere la partita e invece si è rinviato il risultato finale senza motivo. Mi dice un deputato di lungo corso del Gruppo Misto che entrambi gli schieramenti hanno paura: il centrodestra che se i renziani dicessero sì al candidato della sinistra, la soglia dei 505 voti sarebbe superata, con qualche aiuto trasversale del Gruppo misto, lasciando al palo il centrodestra stesso. Il centrosinistra teme che i numeri dell’operazione scoiattolo di Berlusconi possano essere riversati su uno dei tre candidati presentati nel tardo pomeriggio in una apposita conferenza stampa, senza escludere la calata improvvisa di una carta finora coperta (di carattere istituzionale e a cui sarebbe difficile da dire di no), che darebbe scacco matto. Lo scontro evidente è su chi si intesterà le elezioni: il Parlamento o l’Esecutivo?

Il primo sarebbe la riscossa della politica, il secondo sarebbe la definitiva sconfitta della politica. Le boutade o i “si dice” si rincorrono: Casini potrebbe andare alla guida del Governo se Draghi viene eletto Presidente della Repubblica; Amato alla fine potrebbe essere chiamato ad unire tutti; lo stesso Draghi potrebbe essere eletto con due terzi dei voti del Parlamento. Ogni ipotesi, voce sussurro diventa discussione, elaborazione, motivo di progetto o di ostacolo allo stesso. Il gruppo dei Grandi elettori Marchigiani formano squadra per la Regione. Oltre l’estenuante lavoro del Presidente Acquaroli che coglie ogni occasione per sostenere le iniziative della Regione, anche i Deputati e Senatori e Mangialardi negli incontri, se pur rapidi e brevi, cercano di essere promotori delle nostre Marche, per il superamento dei suoi problemi. Un bel segnale di unità che non si vede nelle tante polemiche giornaliere locali, ma che dimostra come tutti servono la nostra comunità, quando giocano fuori casa. Fra le note: Emma Bonino che si distingue per i suoi modi, il senatore Monti che ricorda le sue vacanze nella nostra Regione, il tagliare il transatlantico per andare a votare di Salvini trafelato e altrettanto fa Giorgia Meloni. Diversamente il passo lento del Ministro Franceschini, che ragiona con alcuni dei suoi, mentre in fondo compare la “terza Camera” del Parlamento nella persona di Bruno Vespa.

* presidente del consiglio regionale delle Marche
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 15:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA